MotoGP, un nuovo circuito in calendario dal 2023: il progetto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:07
68

Annunciato un nuovo tracciato che per otto stagioni, dal 2023, entrerà a far parte del calendario della MotoGP

MotoGP, un nuovo circuito in calendario dal 2023: il progetto
MotoGP, un nuovo circuito in calendario dal 2023: il progetto

Un nuovo circuito entrerà nel calendario della MotoGP. Dal 2023, infatti, inizierà un accordo di otto anni tra la Dorna, che gestisce il circus, e l’Ungheria. Non si correrà, però, all’Hungaroring dove si svolge il Gran Premio di Formula 1, il primo organizzato in una nazione dell’ex blocco sovietico. Come riferisce Hungary Today, il Ministro per l’innovazione e la tecnologia László Palkovics ha annunciato che verrà realizzato un nuovo impianto nei dintorni di Hajdúnánás, al centro del triangolo Debrecen-Miskolc-Nyíregyháza

E’ previsto un investimento per un valore pari a 188 milioni di euro, per realizzare anche tutte le strutture correlate, le sale conferenze e un hotel. Secondo Palkovics questi investimenti permetteranno alla regione orientale dell’Ungheria, dove già si trovano centri cruciali come Győr, Kecskemét, e Debrecen, di diventare il cuore dell’automotive nell’intera nazione, con un possibile effetto benefico anche dal punto di vista turistico.

Leggi anche – MotoGP, possibili GP a porte aperte: Jerez aspetta il via libera

MotoGP, la presentazione del circuito in Ungheria

MotoGP
(Foto: Getty)

Alla presentazione è intervenuto anche Gábor Talmácsi, che il ministro ha ringraziato per aver messo l’Ungheria sulla mappa della MotoGP.

Inoltre secondo Henrik Hermann, presidente dell’Associazione Ungherese Motorsport, il gran premio rinforzerà la presenza già significativa delle competizioni motoristiche in Ungheria. A Debrecen, infatti, si svolgolo 2-3 eventi di speedway all’anno, Budapest ha ospitato due gare mondiali di motociclismo e si prepara alla terza per i sidecar. Il tracciato, peraltro, sarà anche facilmente accessibile per i tifosi delle nazioni vicine come la Romania, l’Ucraina e la Slovacchia.

Leggi anche – MotoGP, Quartararo non ha fretta: “Se non vinco non è un dramma”