Pneumatici Auto: il sistema Bridgestone per il monitoraggio delle gomme

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:46

Bridgestone e Microsoft hanno deciso di collaborare per la realizzazione di un sistema innovativo di monitoraggio degli pneumatici delle auto

Il colosso degli pneumatici, la Bridgestone, insieme alla Microsoft hanno avviato una partnership per realizzare un sistema di monitoraggio dei danni agli pneumatici. Esso si avvale della piattaforma Microsoft Connected Vehicle Platform.

L’obiettivo è quello di aumentare la sicurezza stradale e ridurre gli incidenti le cui cause risiedono nei guasti tecnici. Il sistema andrà infatti a rilevare possibili problemi durante la guida per evitarli. Le problematiche alla base, solitamente, sono quattro: pressione non adeguata, usura irregolare, danni alla gomma e buche o forature.

Il sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici, per esempio, è obbligatorio in tutte le auto costruite dal 2012 ed aiuta gli automobilisti ad evitare una bassa pressione delle ruote. Solo la manutenzione ravvicinata da un esperto può invece prevenire, normalmente, i danni da usura e fatica.

Proprio per questo motivo Bridgestone e Microsoft hanno realizzato lo strumento che dà immediata consapevolezza della situazione.

LEGGI ANCHE—> Mobilità post-Covid: per gli italiani meglio l’Auto di Bus e Metro

Pneumatici Auto, come funziona il sistema di Bdigestone e Microsoft

Pneumatici Auto
Pneumatici Auto

Il suo funzionamento prevede l’utilizzo del framework cloud di MCVP insieme ai dati dei sensori esistenti. Utilizza, inoltre, algoritmi per la rilevazione di eventi che interessano superficie e carcassa degli pneumatici.

Il sistema dell’azienda giapponese è disponibile per tutti veicoli dei costruttori che utilizzano già MCVP. La partnership con Microsoft permette a Bridgestone di soddisfare le esigenze dei principali produttori di apparecchiature originali.

La MCVP (Microsoft Connected Vehicle Platform) è una piattaforma connessa al cloud che offre infotainment a bordo del veicolo, navigazione avanzata, guida autonoma, telematica e servizi di pressione. In ultimo, non per importanza, anche over-the-aggiornamenti aerei.

LEGGI ANCHE—> Toyota, richiamo per 700mila veicoli: il problema segnalato ai clienti