F1, party mode Qualifiche: due costruttori fanno rinviare il divieto

Non saranno nel Gran Premio del Belgio a Spa le prime Qualifiche di F1 senza party mode. Mercedes e Honda ottengono un rinvio.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Getty Images)

In Mercedes non sono preoccupati per l’abolizione del party mode, ma è un tema che sta facendo discutere. Ovviamente la scuderia anglo-tedesca ci vede una manovra per provare a limitarla, però non c’è alcun tipo di allarmismo.

Toto Wolff ha spiegato in modo chiaro che il divieto di usare specifiche mappature nelle Qualifiche non crea problemi particolari. Anzi, ciò permette ai piloti di disporre di maggiore potenza in gara e dunque di essere ancora più forti rispetto alla concorrenza.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> F1, Williams venduta: il nuovo proprietario del team

Formula 1, party mode abolito da Monza

Inizialmente il divieto di party mode doveva scattare dal Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps (28-30 agosto), ma è stato deciso un rinvio al successivo GP d’Italia a Monza del 4-6 settembre.

Lo rivela Motorsport.com, specificando che la FIA ha acconsentito alla richiesta fatta da Mercedes e Honda. Sono stati i due costruttori a domandare uno spostamento dell’adozione della nuova regola, in modo tale da avere il tempo necessario per rivedere le mappature dei motori ed evitare problemi.

Nel prossimo gran premio in Belgio tutto sarà come si è svolto finora, con il party mode ancora utilizzabile nelle Qualifiche. Ma a Monza ci sarà l’abolizione di tale soluzione e sarà interessante vedere cosa cambierà concretamente.

Come detto detto in precedenza, in Mercedes si sono detti tranquilli e non temono particolari ripercussioni. Magari la concorrenza potrà essere più vicina al sabato, ma andrà valutato quello che potrà succedere alla domenica in gara. Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno già un pacchetto formidabile per la corsa, potrebbero ritrovarsene uno ancora migliore, almeno stando a quanto dichiarato da Wolff…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Formula 1, la Renault non smobilita: Luca De Meo incontra la scuderia