Valentino Rossi, team VR46 in MotoGP: strada in salita, la situazione

Valentino Rossi correrà in MotoGP anche nel 2021, ma la strada per la creazione di un tema VR46 nella classe regina è al momento in salita

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Foto: Getty Images)

Valentino Rossi correrà ancora. L’annuncio è arrivato a Barcellona con il pilota di Tavullia che si è legato alla Petronas per la stagione 2021. Per l’anno successivo potrebbe esserci il passaggio dalla pista ai box con il Vale nazionale che potrebbe portare il suo team VR46 in MotoGP. Un piano del quale si parla da tempo ma che al momento, secondo quanto riferisce ‘speedweek.cm’, non è ancora concreto e che potrebbe dover superare diverse difficoltà. La prima, e forse la più importante, è la moto da affidare ai suoi piloti.

Lo stesso Valentino Rossi di recente ha aperto ad un possibile accordo con Yamaha, ma la casa giapponese è legata a Petronas fino al 2021 e non sembra intenzionata né ad abbandonarla, né aumentare il numero di piloti in MotoGP.

LEGGI ANCHE >>> MotoGP, Valentino Rossi e un Mondiale da inseguire: “E’davvero dura”

MotoGP, Valentino Rossi lavora al team VR46: con quale moto?

Luca Marini
Luca Marini (Foto: Getty Images)

Con un team VR46 con moto Yamaha al momento difficile da ipotizzare, Valentino Rossi lavora ad individuare la moto giusta ad affidare ai suoi ragazzi. Si è parlato di un possibile accordo con Suzuki o Ducati, ma attualmente nessun passo concreto è stato mosso in questo senso. Intanto, in Moto2 e Moto 3 i team di Rossi vivono una stagione decisamente positiva. Luca Marini è il leader della classifica Mondiale, mentre il compagno di scuderia Bezzecchi è terzo: i due hanno messo insieme quattro successi in nove gran premi.

In Moto 3, invece, occupa la quinta posizione nella graduatoria iridata Celestino Vietti. Per il pilota italiano in stagione è arrivata una vittoria e altri due podi. Bottino positivo quindi che fa sparare per il futuro dei piloti ‘scuola Rossi’. Proprio per Marini si è parlato di un possibile approdo in MotoGP, magari sempre nella scuderia VR46. Prima però serve risolvere il problema moto e contestualmente quello legato alla sponsorizzazione, altro tema delicato considerato il momento difficile vissuto in tutto il mondo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luca Marini e il possibile approdo in MotoGP: Il pilota si sbilancia