Ferrari, Leclerc potrebbe perdere la pazienza: i dubbi del pilota

Anno nero per la Ferrari e Charles Leclerc si interroga sul futuro: pazienza al limite per il pilota monegasco

leclerc pazienza
Leclerc (Getty Images)

Guidare la monoposto più rappresentativa della Formula 1 a 22 anni. Essere investito, con un contratto fino al 2024, del ruolo di prima guida. Vedersi riconosciuti i galloni di predestinato. Tutto questo dovrebbe fare di Charles Leclerc il pilota più felice del mondo ed  invece non è così. Pazienza finita o quasi per il numero 16 con la Ferrari che sta facendo di tutto per fargli venire dubbi sulla scelta fatto un anno fa.

Contratto lungo che alla firma sembrava preludio di successi che, al momento, non si riescono neanche ad immaginare. Anno nero per la Scuderia di Maranello, in cui un quarto posto in qualifica è accolto come una vittoria, quella che per centrarla quest’anno bisogna sperare soltanto nel miracolo. Così il pilota monegasco non può che essere scontento di quanto sta accadendo, soprattutto considerata la prospettiva che il prossimo anno le cose non miglioreranno più di tanto.

LEGGI ANCHE >>> “Più veloce di Leclerc, semplicissimo”: le ironie sui social per lo spot

Ferrari, Turrini semina dubbi su Leclerc: “Quanta pazienza può avere?”

charles leclerc ferrari
Charles Leclerc (Getty Images)

Un campionato da archiviare il prima possibile, sperando che nei prossimi mesi succeda qualcosa che permetta al prossimo di essere un po’ meglio. Poi c’è la vista sul 2022 quando il cambio di regolamento spariglierà le carte e (si spera) potrebbe stravolgere le gerarchie. Ma quel che attende la Ferrari e Leclerc da qui a quella data potrebbe rivelarsi un calvario infinito. Ed allora Leo Turrini, su Il Giorno, si domanda “quanta pazienza può avere ancora Leclerc?”.

Avere la “peggior Ferrari di sempre”, come rimarca il giornalista, è un dato di fatto a cui il pilota monegasco non era certo preparato. Stare lì a lottare per portare a casa qualche miserino punticino, essere soltanto all’ottavo posto nel mondiale piloti e incalzati dall’Alpha Tauri in quello costruttori, non è quello che Leclerc si aspettava. Inevitabile che aumentino i dubbi mentre la pazienza diminuisce: fino a dove arriva quella di Leclerc?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Binotto sprona Ferrari e avverte Mercedes: il piano del team