“Leclerc impressionante con questa Ferrari”, l’elogio del rivale al pilota

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00
106

Con i giochi ormai chiusi, un rivale di Charles Leclerc si sbilancia, riconoscendo tutta la propria stima nei confronti del giovane pilota della Ferrari.

Charles Leclerc
(Foto: Getty)

Il Mondiale di Formula 1 si avvia verso la conclusione, con la Mercedes ormai sicura di vincere il campionato costruttori. I team rivali quindi procedono già con i lavori per migliorare la propria monoposto per il prossimo anno. Tra queste la Red Bull che, nonostante abbia in serbo un ultimo aggiornamento per questa stagione, tramite le parole di Helmut Marko, annuncia di aver quasi ultimato la vettura del 2021.

Marko che quindi si sbilancia in un’analisi del Mondiale, dichiarandosi impressionato dalle prestazioni fornite da Charles Leclerc, a dispetto di una SF1000 non troppo competitiva, pungendo al contempo, molto probabilmente, il secondo pilota della scuderia, Alex Albon:Abbiamo bisogno di un pilota competitivo“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> F1, l’annuncio di Hulkenberg sul futuro: dove correrà nel 2021

F1, “Leclerc sta guidando benissimo con questa Ferrari”, l’elogio di Helmut Marko al monegasco

Charles Leclerc F1
(Foto: Getty)

Il giovane talento della Ferrari, infatti, si sta rivelando degno di far parte di una scuderia storica, una tra le più importanti di sempre all’interno del panorama automobilistico. I problemi della SF1000 sono ormai noti e sempre evidenziati ad ogni GP di questa stagione. Ma nonostante ciò, ed un compagno di squadra come Vettel che non riesce ad ottenere risultati, la bravura del monegasco è sotto gli occhi di tutti, secondo soltanto ai due davanti, Hamilton e Verstappen, a detta del consigliere Red Bull.

Verstappen e Hamilton stanno correndo da soli al momento – spiega Marko alla testata tedesca Auto Motor Und Sport sono di un livello superiore. Poi c’è Charles Leclerc, che sta guidando benissimo con questa Ferrari. E’ davvero impressionante“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> F1, Vettel in Aston Martin: il consiglio inascoltato di Helmut Marko