F1 GP Portogallo, Vettel e la dignità: “Non possiamo chiudere così”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:11

Peggio di così non potrebbe andare per la Ferrari ma soprattutto per Sebastian Vettel che anche in vista del GP di Portogallo guarda a risultati possibili e a salvare la faccia.

GP Portogallo, Vettel
Per Sebastian Vettel ancora sei prove in Formula 1 con la Ferrari (Getty Images)

Sebastian Vettel ormai è sulla rampa di uscita: ancora sei gran premi e lascerà la Ferrari per approdare alla nuova Aston Martin. Ma c’è modo e modo di chiudere la stagione.

Vettel per il GP del Portogallo

A Portimao, circuito dove Sebastian Vettel corre per la prima volta in un evento ufficiale di Formula 1, il quattro volte campione del mondo guarda a piccoli progressi e a risultati che siano praticabili.

Occorre chiudere la stagione in modo dignitoso: “É  inutile nascondere che è stata una stagione pessima, sotto molti aspetti, sono una persona realista e concreta analizzo i dati che ho a disposizione. E i dati parlano chiaro. Possiamo solo migliorare e dovremo farlo perché a questo punto è anche una questione di amor proprio e di dignità”.

Vettel è tredicesimo nella classifica piloti e ha ottenuto un quarto dei punti del compagno di scuderia Leclerc: “Bravo lui perché ha fatto un ottimo lavoro per perfezionare la machina – dice Vettel – è evidente che Leclerc riesce a spremere al massimo la sua macchina. Ma le mie circostanze sono molto diverse”.

LEGGI ANCHE > Vettel, il consiglio di Jackie Stewart: “Lo vedrei bene in un nuovo ruolo in F1

GP Portogallo, Vettel
Sebastian Vettel tredicesimo nel mondiale piloti Formula 1 (Getty Images)

I rimpianti di Vettel

Sebastian Vettel identifica nella separazione dalla scuderia, comunicata prima ancora che iniziasse la stagione, il peccato originale di questo campionato: “Partire per il nuovo campionato già sapendo che tutto sarebbe finito non è stato facile, e forse ha complicato le cose. Sicuramente ci sono stati errori di base e altri che si sono aggiunti nel corso della stagione. Oltre a molta sfortuna. Se c’è una cosa sulla quale io e Charles siamo d’accordo è che l’auto di quest’anno non è stata facile da guidare per entrambi. Tuttavia abbiamo sempre fatto il possibile. Non accetto che si dica che non abbiamo fatto abbastanza, abbiamo fatto sempre il massimo”.

Vettel vede ancora la possibilità di salvare la stagione: “Mancano sei gare, molte piste credo siano congeniali a me e alla macchina, sono convinto che si possa migliorare molto e ottenere qualche buon risultato. Il mio unico obiettivo è chiudere la mia stagione a Maranello con dignità. Farò di tutto per rimettermi in sesto in modo da poter offrire il tipo di prestazioni che so di poter fare, superando gli ostacoli che siamo incontrando. Finire al meglio servirà alla Ferrari ma anche a me, in vista di quella che sarà la mia prossima fase della carriera”.

LEGGI ANCHE > Vettel, la Racing Point lo difende e lancia un ‘attacco’ alla Ferrari