KFC, Auto a guida autonoma per consegnare pollo fritto: la novità in Cina

KFC ha messo a disposizione dei propri clienti un servizio speciale per la consegna del pollo fritto: furgoncini a guida autonoma. 

KFC
(Foto: Getty)

Negli ultimi mesi, molte aziende, anche tra le più grandi, hanno denunciato una situazione di grave crisi economica. Tuttavia, esistono società che hanno pensato bene di cambiare un po’ le cose, vedendo in questo periodo difficile, un’opportunità per reinventarsi. Fra queste, senza dubbio figura KFC, il colosso del fast food, che, in Cina, ha lanciato un nuovo servizio speciale per i clienti.

In particolare, KFC ha messo a disposizione dei clienti auto a guida autonoma di livello 4, senza conducente, per la consegna del beneamato pollo fritto che l’ha reso famoso in tutto il mondo.

Stando a quanto riporta Roadshaw, il progetto ha visto la propria riuscita grazie alla collaborazione tra Yum! Brands, che possiede KFC, e Neolix, azienda cinese specializzata nel settore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Skoda al lavoro sulla Guida Autonoma: il progetto “Segui il Veicolo”

KFC, come funziona il servizio della consegna con Auto a Guida Autonoma

Queste speciali vetture sono dotate di una batteria intercambiabile, in soli 30 minuti, ed un’autonomia da 100 km, con una velocità massima di 50 km/h.

Il servizio ricorda molto quello che offrono i paninari fuori dagli stadi o dai concerti, con l’enorme differenza che non prevede la presenza di personale. Infatti, i clienti potranno trovare in giro per la città questi furgoncini a guida autonoma e potranno scegliere il menù grazie ad un display apposito posto di lato. Sarà poi possibile pagare tramite carta di credito e prelevare il cibo dallo sportello dedicato.

Come scrive Wired, sono stati proprio i clienti cinesi i primi a rendere noto dell’esistenza di questi speciali veicoli, postando foto su Twitter. Le prime auto sono state avvistate nei pressi della stazione della metropolitana di Shangai.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Volvo, simulatore virtuale per sicurezza e guida autonoma: come funziona