Renault, promozioni sulla Clio: le offerte con bonus al 31 gennaio 2021

La Renault mette in promozione la Clio fino al 31 gennaio 2021: i modelli della gamma in offerta 

Renault Clio
Renault Clio (Getty Images)

E’ iniziato il nuovo anno e la Renault offre la Clio in promozione per gli automobilisti che intendano cambiare veicolo nel nuovo anno. La berlina francese del segmento B piace perché ideale per la città viste le sue dimensioni ma confortevole e spaziosa per viaggi più o meno medi, anche per una famiglia normale.

Il marchio della Losanga, come se non bastasse, ha messo in promozione il modello a doppia alimentazione, quello a benzina e Gpl, per un risparmio notevole anche dal benzinaio. La versione è la NUOVA CLIO ZEN TCe 100 GPL a € 13.000 (IVA inclusa, IPT e contributo PFU esclusi) con il Finanziamento Renault Easy e sfruttando gli ecoincentivi messi a disposizione dal governo nella Legge di Bilancio 2021. E’ di 3.000 euro l’anticipo, poi 36 rate da € 119,31 e la maxi rata finale. Il TAN, fisso, al 5,25%, il TAEG 7,15%. L’offerta è valida fino al 31 gennaio e solo in caso di rottamazione di un veicolo immatricolato entro il 31/12/2010.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Assicurazioni RC Auto, scatta l’aumento: chi pagherà di più

Renault Clio, la promozione sull’ibrida

Renault Clio
Renault Clio (Getty Images)

La Renault, però, accontenta anche i clienti con un’anima ecologica, green, mettendo in promozione la nuova Clio Hybrid, sempre con il finanziamento Renault Easy. In questo caso, la versione in offerta della è la ZEN Hybrid E-TECH 140 a 16.500 euro. Anche in questo caso, come per l’auto a Gpl, incentivi statali inclusi nella Legge di Bilancio del 2021. Anticipo di 4.900 euro e 36 rate da € 118,52 euro mensili oltre alla maxi rata. Il TAN, fisso, a 5,25% ed il TAEG a 6,87%.

CLICCA QUI PER LEGGERE LE ALTRE PROMOZIONI SULLA RENAULT CLIO

Ovviamente l’offerta è valida fino al 31 gennaio e solo in caso di rottamazione di un altro veicolo immatricolato entro il 31 dicembre 2010. Attenzione, tuttavia, agli incentivi statali. Al momento, infatti, nonostante l’approvazione della Manovra, mancano i decreti attuativi per sbloccare i fondi destinati al settore automotive nonché altri bonus previsti in altri comparti.