Rider aggredito e rapinato da un cliente durante consegna: arrestato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

A Roma un rider è stato aggredito e rapinato da un cliente mentre gli stava consegnando la cena. Arrestato un 41enne

Cliente aggredisce e rapina rider mentre gli consegna la cena: in manette
Cliente aggredisce e rapina fattorino mentre gli consegna la cena: in manette (Getty)

Ancora un’aggressione e rapina ai danni di un rider mentre svolgeva il suo lavoro. Stavolta è accaduto a Roma, dove un fattorino che stava effettuando una consegna è stato aggredito e rapinato dall’uomo che diceva di essere il suo cliente. Il rider era pronto a consegnare la cena a un uomo che lo stava aspettando nel cortile di un complesso abitativo.

Questa persona ha confermato al rider di essere il cliente che aveva fatto l’ordine, e al momento di ricevere il pacco con il cibo ha violentemente strattonato il rider. Poi l’aggressione con una spranga di ferro che era poggiata a terra: da lì le minacce, intimando al fattorino di consegnare soldi, smartphone e tutti gli oggetti di valore.

Auto polizia
Auto polizia (Getty Images)

Leggi anche – Rider travolto e ucciso da un’Auto: il dramma a Montecatini

Cliente aggredisce e rapina rider mentre gli consegna la cena: in manette

Il rider, terrorizzato, ha lanciato verso l’uomo la consegna ed è fuggito a gambe levate, salendo repentinamente sul suo mezzo ed è scappato. Il malvivente non si è arreso, e spranga in pugno ha tentato di inseguire il malcapitato ma senza riuscire a fermarlo. Il rider ha immediatamente avvisato le forze dell’ordine: sul posto è arrivata immediatamente la polizia. Gli agenti della Sezione Volanti del commissariato Prenestino si sono immediatamente recati sul posto.

Il rapinatore, intanto, era tornato a casa ma è stato rapidamente rintracciato dai poliziotti. Si tratta di un 41enne romano con vari precedenti di polizia per rapina e aggressione. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di rapina aggravata. Gli agenti hanno anche sequestrato la spranga di ferro, che il 41enne aveva portato nel suo appartamento e nascosto dietro la porta d’ingresso.