Bugatti, Ferrari e… Transformers: le Auto realizzate in metallo riciclato | Video

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:20

Un parco in Thailandia accoglie varie Auto realizzate in metallo riciclato: tra queste Bugatti, Ferrari e persino Transformers. Il video

Bugatti Chiron
Bugatti Chiron (Foto: Getty Images)

Non molto distante dalla capitale Bangkok, esiste un parco davvero unico, dove è possibile ammirare una grande quantità di auto di lusso, ma realizzate con parti e componenti di metallo riciclati, come molle, sospensioni, bielle e persino motori dismessi. Tra le vetture, spiccano due esemplari di Bugatti Chiron, una Ferrari 250 GTO e una Mercedes 300SL, tutte riprodotte a grandezza naturale. Le opere sono state create con estrema cura e fedeltà ai modelli originali dagli artisti dello Scrap Metal Art Thailand.

Tuttavia, il lavoro degli autori non si limita nella “semplice” riproduzione di vetture. Infatti, nello stesso parco della Thailandia, si trovano riproduzioni gigantesche dei robot della saga fantascientifica Transformers che sembrano quasi essere usciti direttamente dallo schermo di un cinema, per la loro verosimiglianza agli androidi dei film. A mostrarci questo incredibile parco è il video realizzato dallo youtuber CB Media, che è andato a visitarlo di persona.

LEGGI ANCHE >>> Bugatti, McLaren e Pagani: il garage “spaziale” di un magnate – Video

Bugatti, Ferrari, Transformers: tutto in solo parco in Thailandia

Nello stesso video, oltre a Bumblebee e i suoi “compagni” di Transformers, si possono vedere anche altri diversi tipi di sculture realizzate in metallo di recupero, come statue di Iron Man, del celebre mostro di Alien e persino di personaggi umani di altri film.

Lo stesso youtuber ha avuto l’occasione di parlare con i proprietari del grande parco dedicato a queste speciali sculture. Gli stessi proprietari gli hanno spiegato che le opere in mostra si possono acquistare, anche se ci troviamo dall’altra parte del mondo. Ad esempio, come riporta FormulaPassion, una delle due Bugatti Chiron è stata venduta di recente ad un collezionista svedese che l’ha acquistata al prezzo di 30.000 dollari.