In Monopattino in Tangenziale sovraccarico di materiale: fermato e multato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:45

Un giovane di 23 anni è stato fermato dalla polizia sulla Tangenziale di Bologna mentre viaggiava in Monopattino sovraccarico di materiale.

monopattino
Foto di Kristof Topolewski da Pixabay

I bonus concessi dall’ultimo governo Conte per l’utilizzo dei monopattini elettrici, ritenuti uno strumento utile per spostarsi anche quotidianamente ed evitare l’affollamento nei mezzi pubblici, sono stati una delle misure più discusse, ma che ha fatto preso in parte della popolazione. In diversi, infatti, ne hanno approfittato, forse anche per curiosità e lo hanno voluto provare. Quello che è successo a inizio settimana sulla tangenziale di Bologna andava però ben oltre il consentito e ha stupito anche le stesse forze dell’ordine che stavano effettuando dei normali controlli nella zona.

Un uomo, infatti, stava infatti viaggiando, come se nente fosse e incurante delle possibili conseguenze portando con sè una serie di materiali di edilizia che aveva acquistato da poco.

Potrebbe interessarti – Monopattini elettrici, nessun obbligo per il casco: la decisione del Tar della Toscana

In Tangenziale a bordo di un monopattino con un carico di oggetti inaspettato: l’accaduto

I fatti risalgono a lunedì scorso, 22 febbraio, e si sono verificati lungo la tangenziale, all’entrata di Roveri in Castelvecchio. In base al racconto degli agenti della Polizia Commerciale, gli agenti si sono trovati di fronte un 23enne a bordo del suo monopattino che viaggiava nella loro stessa direzione lungo la corsia di emergenza. Il giovane, residente a Bologna, stava tornando a casa e voleva portare ella sua abitazione il materiale per il bricolage che gli serviva evidentemente per fare una serie di lavori (pannelli fonoassorbenti, poliuretano espanso e altri articoli).

Fermarlo è stato quindi inevitabile. Un comportamento di questo tipo, infatti, non è vietato solo dal Codice della Strada, ma può avere gravi conseguenze anche per chi lo commette, oltre che per le altre persone che circolano in quel momento. Immediatamente è scattata così la sanzione, prevista per circolazione in tangenziale con veicolo non ammesso e per sovraccarico.

Il ragazzo ha accettato la situazione, ma ha provato a giustificarsi sottolineando di avere deciso di percorrere quel tragitto su indicazione del navigatore.