Hamilton, invito a boicottare GP Arabia: la lettera delle ONG

Numerose associazioni umanitarie hanno invitato il campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton a boicottare il prossimo GP dell’Arabia Saudita

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Foto: Getty Images)

L’Arabia Saudita sarà la penultima tappa del Mondiale 2021 di Formula 1. Un evento, questo, messo in discussione da numerose associazione a difesa dei diritti umani che hanno chiesto al campione iridato Lewis Hamilton di boicottare lo stesso Gran Premio.

Le ONG hanno inoltrato la richiesta al pilota inglese con una lettera, che cita la guerra in Yemen, l’omicidio del giornalista Jamal Kashoggi e la detenzione illegittima di numerose attiviste del Paese. L’obiettivo sarebbe quindi quello di usare la popolarità del sette volte campione mondiale per sensibilizzare la popolazione mondiale su questioni molto importanti.

Hai dimostrato un immenso coraggio nella tua lotta – si legge nella missiva –. Se il miglior pilota della Formula 1 si rifiuta di gareggiare in Arabia Saudita, se ne parlerà molto e potrebbe essere di aiuto per convincere il Paese a cambiare idea sui diritti umani“.

LEGGI ANCHE >>> Hamilton elogia Rashford: “Un modello per il cambiamento”

Le ONG chiedono di boicottare il GP Arabia Saudita: la lettera a Lewis Hamilton

Lewis Hamilton
(Foto: Getty Images)

Tuttavia, sembra difficile che il driver di Stevenage possa decidere di non gareggiare. Pertanto, le stesse associazioni umanitarie hanno ipotizzato un’alternativa: “Potresti indossare una maglietta per chiedere la fine della guerra in Yemen e il rilascio di Loujain Alhathloul – prosegue –. Molte donne sono state punite solo per aver mandato un messaggio, perciò potresti indossare una maglia o mettere un adesivo sulla tua macchina invitando il governo saudita a liberarle“.

Ma Hamilton è stato scelto anche per il suo grande impegno nel sociale, come dimostra il suo sostegno al movimento Black Lives Matter che ha fatto riflettere anche la sua scuderia, la Mercedes, che nel 2020 ha optato per una monoposto con livrea interamente nera come simbolo della lotta al razzismo.