Formula 1, Spumante al posto dello Champagne sul podio: l’accordo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Formula 1, Spumante al posto dello Champagne sul podio: l’accordo sottoscritto da Stefano Domenicali con il gruppo Lunelli sarà operativo dal GP di Imola

Champagne Formula 1
Formula 1, Spumante al posto dello Champagne sul podio: l’accordo (Foto: Getty)

Una delle immagini più riconoscibili della Formula 1 è la premiazione del podio con lo Champagne. Il rito del “bagno” e della bevuta tra piloti e rappresentanti del team vincitore, sono passati ormai alla storia, così come la ricerca della Miss di turno da bagnare. Scene cha hanno fatto il giro del mondo, diventando una vera e propria abitudine, come gli inni nazionali per chi sale sul gradino più alto. Una bottiglia pregiata come premio per chi si aggiudica il GP è una tradizione che affonda le radici alle origini di questo sport. Il primo fu nel 1950 Juan Manuel Fangio, che ricevette una Jeroboam di Champagne Moët & Chandon, dopo aver conquistato la gara di Reims in Francia. Fino al 1966, però, nessuno si permetteva di aprire la bottiglia sul podio. Avvenne per sbaglio allo svizzero Jo Siffert nel festeggiare la 24 Ore di Le Mans. Il tappo saltò per sbaglio e i tifosi vennero annaffiati con le bollicine. Da lì in poi diventò una vera usanza, ormai irrinunciabile.

LEGGI ANCHE >>> “Formula 1, deve tornare lo show”: Piero Ferrari espone le sue critiche

Formula 1, Spumante al posto dello Champagne sul podio: Ferrari Trento diventa partner ufficiale

Spumante sul podio
Formula 1, Spumante al posto dello Champagne sul podio: l’accordo (Foto: Getty)

La grande novità del 2021 sarà però il tipo di bottiglia che salirà sul podio assieme ai piloti. Stefano Domenicali, nuovo presidente della Formula 1 dal 1 gennaio, ha infatti sottoscritto una partnership triennale con il gruppo Lunelli per le forniture di spumante. Il marchio Ferrari prenderà il posto dello champagne francese Moet Chandon, che solo un anno fa era subentrato ai connazionali di Carbon. Un grande successo per il made in Italy nel Circus, voluto fortemente dall’ex team principal di Maranello.

Il ceo del gruppo Lunelli, Matteo Lunelli, ha voluto commentare l’accordo, ufficializzato con una conferenza a cui ha partecipato anche Domenicali da Londra.

“Le bollicine di Ferrari Trento spumanti – ha spiegato – saranno sul podio di tutti i prossimi Gran Premi di Formula 1 ma non solo. Saremo presenti in tutte le occasioni che circondano l’evento del week end. Un progetto che siamo convinti potrà fare la differenza per la notorietà di Ferrari Trento a livello internazionale. Salire sul podio della Formula 1 è per noi al tempo stesso un traguardo e un punto di partenza”.

Poi aggiunge: “Avevamo già fatto un’apparizione nel Circus negli anni ’80, quando eravamo fornitori del GP di Monza, ma ora diventiamo partner ufficiali e siamo davvero felici”. 

L’azienda trentina sta pensando di realizzare etichette specifiche per ogni appuntamento, in base al Paese in cui si gareggerà. Con le limitazioni imposte all’alcool in Bahrain, la prima presenza sul podio è fissata per Imola, il 18 aprile.