LG, stop alla produzione dei telefoni: si punta anche sulle Auto Elettriche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

LG ha deciso di porre fine alla produzione dei telefoni entro il 31 luglio, ritenuta non più strategica. Ora si guarda alla produzione di componentistica per le Auto Elettriche.

LG
Smartphone LG (Foto: Getty Images)

LG Electronics, azienda coreana leader nella tecnologia, ha preso un’importante decisione: non produrrà più smartphone. La scelta sembrava essere ormai nell’aria da qualche tempo, ma è ora diventata ufficiale dopo avere riscontato enormi difficoltà nel riuscire a essere competitivi in un settore in continuo mutamento e in cui la concorrenza si è fatta ormai sempre più forte.

I dispositivi che sono attualmente presenti nella gamma prodotti saranno a disposizione fino ad esaurimento delle vendite, ma si cercherà ovviamente di non lasciare soli i clienti che finora hanno mostrato fiducia nei confronti della società asiatica. Gli utenti che ne avranno la necessità potranno infatti ricevere assistenza e aggiornamenti software. La chiusura delle attività mobile sarà comunque graduale e completata entro il 31 luglio prossimo.

Auto elettriche, nuovo balzo in Italia: quarto trimestre 2020 col +108%
Auto elettriche (Foto: Getty Images)

Potrebbe interessarti – Auto Elettriche, dalla Germania le batterie flessibili: il progetto

LG non produrrà più smartphone: le motivazioni della scelta

Come indicato nella nota ufficiale diffusa dall’azienda, l’idea che ha portato a questa decisione nasce dalla volontà di “concentrarsi su settori ritenuti strategici e che stanno vivendo una fase di crescita costante. E’ il caso di veicoli elettrici, dispositivi connessi, la smart home, robotica, intelligenza artificiale e soluzioni B2B insieme a piattaforme e servizi”.

Una decisione di questo tipo rappresenta una svolta storica, soprattutto perché fino a qualche anno fa LG era una delle realtà leader nel settore della telefonia (terzo produttore a livello mondiale). Ormai da tempo, però, quei numeri erano diventati quasi un ricordo ed è stato così inevitabile per il Consiglio di amministrazione approvare la scelta.

L’esperienza accumulata nella produzione degli smartphone potrà comunque rivelarsi utile “per sviluppare tecnologie legate alla mobilità come il 6G“. Allo stesso tempo, il colosso coreano potrebbe “valutare l’idea di vendere alcuni asset ritenuti non opiù strategici dopo avere posto fine alla sua attività in ambito mobile“.