Cucciolo di Cane lanciato da un’Auto in corsa: la storia sconvolgente

Un cucciolo di cane è stato lanciato da un’auto in corsa: sconvolgente la storia che arriva dalla provincia di Agrigento

cucciolo
Il cucciolo ritrovato (Pagina Facebook Oasi Ohana)

E’ davvero triste la storia che arriva dalla provincia di Agrigento. A raccontarla è l’Oasi di Ohana, rifugio per cani abbandonati che si trova a Santa Margherita di Belice. Tutto ha luogo nella mattinata di martedì 13 aprile quando un passante ha ritrovato un cucciolo di cane, appena nato, immobile e dolorante in mezzo alla carreggiata in una strada di campagna a Menfi. L’uomo ha immediatamente avvisato il rifugio e si è messa in moto la macchina dei soccorsi.

Il piccolo di cane, talmente piccolo da avere ancora gli occhi chiusi, è stato portato da un veterinario per una visita d’urgenza che ha confermato quanto i soccorritori avevano già immaginato. Il cucciolo era stato lanciato da un’auto ancora in corsa. Non soltanto abbandonato, ma scaraventato dalla vettura senza neanche fermarsi. A dimostrarlo i gemiti di dolore del cane ritrovato in strada ed anche qualche piccola escoriazione.

LEGGI ANCHE >>> Camion contromano in Autostrada per 13 chilometri: è accaduto in Trentino

Cucciolo appena nato lanciato da un’Auto in corsa: le sue condizioni

cucciolo
Il cucciolo ritrovato (Pagina Facebook Oasi Ohana)

Il cucciolo di cane lanciato da un’auto in corsa è stato curato immediatamente con antidolorifici nella speranza di lenire la sofferenza e permettergli di nutrirsi. Purtroppo però le sue condizioni, nell’aggiornamento fatto dall’Oasi Ohana tramite la propria pagina Facebook, non sono migliorate e il cucciolo ha avuto ripetute crisi convulsive.

Ovviamente molto duro il commento di Chiara Calasanzio, fondatrice dell’Oasi Ohana, riportato da ‘ansa.it’. “Non ho più parole per descrivere quanto sta succedendo negli ultimi mesi in Sicilia. Non solo la vergogna e l’infamia, morale e penale, di abbandonare a morte certa un cucciolo innocente, nato per l’ostinata volontà di non sterilizzare le femmine – la sua accusa – quanto la ricerca di dare più dolore possibile lanciandolo da un’auto“. Una storia sconvolgente (qualcuno parla addirittura di un gesto fatto per gioco), con la speranza che il cucciolo possa riuscire a superare il trauma e trovare chi si prenda cura di lui con amore.

Impostazioni privacy