MotoGP Jerez, Lorenzo e l’intimidazione a Marquez: il retroscena del 2013

Jorge Lorenzo ha raccontato le tensioni con Marc Marquez dopo il Gran Premio di Spagna del 2013 a Jerez. L’allora pilota Yamaha era nervoso.

Jorge Lorenzo Marc Marquez
Jorge Lorenzo e Marc Marquez nel GP Jerez 2013 (Getty Images)

In questo fine settimana la MotoGP affronta il Gran Premio di Spagna a Jerez, circuito che molte volte ha ospitato grandi battaglie. Molti ricorderanno il sorpasso di Valentino Rossi su Sete Gibernau all’ultima curva.

E nel 2013 una manovra simile fu fatta da Marc Marquez nei confronti di Jorge Lorenzo. Anche in questo caso ci fu un contatto tra i piloti. Quello della Honda riuscì a stare davanti e a chiudere gara in seconda posizione, dietro al compagno di squadra Dani Pedrosa. Invece il maiorchino della Yamaha andò largo e chiuse terzo. Non mancarono tensioni nel post-GP per quell’episodio.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi e la decisione sul ritiro: il consiglio di Max Verstappen

Jorge Lorenzo ricorda il GP di Spagna 2013

Pedrosa Marquez Lorenzo
Dani Pedrosa, Marc Marquez e Jorge Lorenzo sul podio di Jerez 2013 (Getty Images)

Lorenzo nel suo canale ufficiale YouTube ha ricordato quanto avvenne nel 2013 dopo quel GP di Spagna: «Quando sono salito sull’aereo ho visto che il numero del mio posto era sulla stessa fila in cui era seduto Marc. A quel punto Santi Hernandez, si è seduto in mezzo a noi per farci da muro».

Il capotecnico di Marquez si mese in mezzo ai due piloti in aereo, in modo tale da evitare che ci fossero discussioni. Jorge aggiunge: «L’atmosfera era tesa. Quando stavamo per scendere dopo l’atterraggio l’ho guardato per intimidirlo e gli ho detto “Sei pronto per la prossima gara?”. Lui però non mi ha risposto».

Successivamente il cinque volte campione del mondo ha raccontato un ulteriore aneddoto: «Mi sono ritrovato Marc seduto nella stessa fila dieci giorni dopo quando dovevamo volare in Francia per il gran premio di Le Mans. Incredibile, su un volo con 300 persone avrei dovuto avere vicino una persona della Yamaha e invece c’era Marquez».