Michael Schumacher, a Sarajevo un’iniziativa per ricordare un gesto indimenticabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:00

Un gruppo di persone ha proposto un’iniziativa per ricordare un gesto indimenticabile del campione di Formula 1 Michael Schumacher

Michael Schumacher
Michael Schumacher (Foto: Getty Images)

Non solo 7 volte campione mondiale di Formula 1 Michael Schumacher, che ha da sempre dimostrato un’attenzione verso i meno fortunati, come dimostra la sua nomina di ambasciatore dell’UNESCO.

Questo lato umano di Schumi se lo ricordano bene in Bosnia, nazione martoriata dalla guerra dal 1992 al 1995, ed in particolare a Novi Grad, dove un gruppo di cittadini ha di recente lanciato un’iniziativa volta ad intitolare una strada della città a nome del campione tedesco.

LEGGI ANCHE >>> Michael Schumacher, la promessa di Jean Todt all’ex pilota

Michael Schumacher, l’iniziativa di un gruppo di persone di Sarajevo

Michael Schumacher
Michael Schumacher (Foto: Getty Images)

Nel 1996 e nel 1997, l’allora pilota della Ferrari si recò a Sarajevo, dove fu testimone della sofferenza della popolazione che si preparava alla ricostruzione della città. In occasione delle sue visite, Michael finanziò alcuni progetti importanti a sostegno della ripresa e portò alcuni regali ai bambini della zona.

Come riporta Autosprint, a distanza di oltre 20 anni, alcuni di quegli stessi bambini, oggi diventati adulti, hanno avanzato la proposta. “Ringrazio il municipio di Novi Grad che ha supportato l’iniziativa, è il primo passo – spiega un portavoce del gruppo, Fahri Frlj, a klix.ba. Abbiamo comunicato l’iniziativa anche all’ambasciata tedesca e alla moglie di Schumacher“.

Attualmente, Schumacher è alle prese con una difficile riabilitazione, a seguito dell’incidente sugli sci sulle Alpi francesi. Ed è anche per questa sua sofferenza che i cittadini di Novi Grad vorrebbero celebrare il campione intitolandogli una strada: “Vogliamo sostenerlo nel suo recupero, venne a Sarjevo a farci visita e sostenere i bambini che avevano bisogno d’aiuto” conclude Frlj.