MotoGP, Yamaha: un campione Superbike nel team Petronas | L’indiscrezione

Il team Petronas Yamaha forse perderà entrambi i piloti a fine Mondiale MotoGP 2021. Un nuovo innesto potrebbe arrivare dalla Superbike.

Gara Superbike
Gara Superbike (Getty Images)

La decisione di Maverick Vinales di lasciare a fine 2021 mette la Yamaha in una condizione un po’ difficile. La casa di Iwata deve trovare un sostituto. Circolano diversi nomi.

Il favorito per salire sulla M1 del team factory è Franco Morbidelli, pilota della squadra satellite Petronas SRT. Il campione del mondo Moto2 del 2017 ha già un contratto per il 2022 con la formazione malese, che dovrebbe lasciarlo libero di approdare nella struttura ufficiale. Questa sembra la soluzione più probabile e logica, ma serve attendere per capire meglio come andranno le cose.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi, Agostini e il retroscena su Marquez: l’inattesa rivelazione

Jonathan Rea in MotoGP nel 2022?

Jonathan Rea
Jonathan Rea (Getty Images)

In Petronas SRT potrebbero ritrovarsi a sostituire due piloti. Oltre a Morbidelli, potrebbero perdere anche Valentino Rossi. Quest’ultimo sta concretamente pensando al ritiro, visti i risultati negativi ottenuti all’inizio del Mondiale 2021.

Secondo quanto rivelato da Sky Sport MotoGP, il team Petronas SRT starebbe pensando all’ingaggio di Jonathan Rea dal Mondiale Superbike. Il sei volte iridato verrebbe affiancato nel box da un giovane pilota proveniente dalla Moto2. Si fanno i nomi di Augusto Fernandez e Jake Dixon, anche se quest’ultimo è poco probabile perché non sta facendo una buona stagione 2021.

Certamente sarebbe clamoroso se Rea venisse chiamato in MotoGP. Ha assaggiato il campionato solamente nel 2012, sostituendo Casey Stoner in Honda nelle gare di Misano e Aragon. Non ha mai avuto l’offerta giusta per passare dalla SBK alla classe regina del Motomondiale.

Non mancano dei dubbi su questa operazione. Infatti, il team Petronas SRT aveva dichiarato che con Rossi era stata fatta un’eccezione per quanto riguarda l’ingaggio di un pilota avanti con l’età. Johnny compirà 35 anni nel 2022. Ne verrà fatta un’altra?

Inoltre il sei volte campione campione WorldSBK ha un contratto per l’anno prossimo con Kawasaki, che lo dovrebbe quindi liberare. Essendo ottimi i rapporti tra le parti, è ipotizzabile che la casa di Akashi conceda eventualmente a Rea di giocarsi la sua chance in MotoGP.

Da capire anche se il pilota nord-irlandese voglia mettersi realmente in gioco in un campionato con tanti giovani piloti veloci. La sua Kawasaki è una moto completamente diversa dalle MotoGP e pertanto adattarsi non sarà semplice in caso di cambio di categoria. Dovrà valutare se prendersi il rischio di non riuscire a essere competitivo quando vorrebbe, lasciando invece la comfort zone della Superbike dove sa di essere un top rider.

Gestione cookie