Horner arrabbiato con Bottas: il gesto nei confronti di Wolff è emblematico

Horner molto dispiaciuto per quanto fatto da Bottas allo start della gara di F1 in Ungheria. Il team principal Red Bull ha anche respinto le scuse di Wolff.

Chris Horner
Chris Horner (Getty Images)

Dopo le tensioni di Silverstone, il weekend all’Hungaroring ne ha lasciate in eredità di ulteriori. Tra Mercedes e Red Bull la situazione è più tesa che mai.

Il clamoroso errore di Valtteri Bottas alla prima curva ha rovinato la gara di Max Verstappen e costretto al ritiro Sergio Perez. E anche Lando Norris ne ha pagato le spese, ritirandosi. L’incidente ha fatto perdere tanti punti alla scuderia di Brackley, che adesso si ritrova a inseguire sia nella classifica piloti che in quella costruttori. Nonostante non si possa accusare Bottas di malafede, ancora una volta Lewis Hamilton ne è uscito avvantaggiato da una situazione controversa.

LEGGI ANCHE -> Sebastian Vettel, l’Aston Martin presenta ricorso: le motivazioni del Team

F1 GP Ungheria 2021, Horner attacca Mercedes e rifiuta le scuse di Wolff

Verstappen Perez Horner
Max Verstappen e Sergio Perez con Christian Horner nel paddock del GP Ungheria 2021 (Getty Images)

Christian Horner dopo il GP d’Ungheria non ha mancato di esprimere il suo disappunto per quanto successo al via della gara di Formula 1 all’Hungaroring: «Bottas è partito male, non ha giudicato bene la frenata e poi ha fatto un ottimo lavoro per la Mercedes mettendo fuori gioco entrambe le nostre monoposto. Il danni a parti e motori sono brutali, considerando che c’è un budget cap da rispettare. Comunque dopo la pausa continueremo a lottare».

Il team principal della Red Bull nel post gara ha anche rifiutato le scuse di Toto Wolff, collega della Red Bull. Il manager austriaco ha tentato di scusarsi per quanto successo, però Horner lo ha praticamente ignorato. Normale ci sia del nervosismo, perché la manovra di Bottas è stata follia pura. Un errore che un pilota della sua esperienza non può e non deve commettere a questi livelli.