Marquez si scusa con il collega: “È colpa mia, ho sbagliato”

Marc Marquez nel post gara di Silverstone ha ammesso di essere responsabile della caduta sua e di Jorge Martin, con il quale si è scusato.

Marc Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

È durata meno di un giro la gara di Silverstone per Marc Marquez e Jorge Martin. Un contatto provocato dal pilota Honda ha messo KO entrambi dopo poche curve.

Un vero peccato, perché probabilmente entrambi avrebbero potuto essere protagonisti della corsa. Partivano dalla seconda fila e avevano mostrato buon passo nelle prove libere. Non sarebbero riusciti a battere Fabio Quartararo, ma forse potevano battagliare per la zona podio o almeno per essere un top 6.

LEGGI ANCHE -> Dovizioso, poca fiducia nell’Aprilia: altra frecciata di Aleix Espargarò

MotoGP Silverstone, Marquez si scusa con Martin

Martin Jorge
Jorge Martin (Getty Images)

Marquez dopo la gara di Silverstone ha spiegato di aver chiesto scusa a Martin per l’incidente avvenuto: «È colpa mia e mi sono scusato con lui. Avevo calcolato male la sua posizione, lo pensavo più esterno in curva, sono entrato e ho provato a correggere la traiettoria ma ho sbagliato e l’ho buttato giù. Errore mio, purtroppo queste cose possono capitare durante le gare».

L’otto volte campione del mondo ha ammesso la propria responsabilità per l’accaduto e non ha esitato nell’andare a scusarsi: «Sono andato subito nel box Pramac a chiedere scusa. Ho cercato Martin, ma non c’era. Mi sono diretto nel suo motorhome e mi ha ascoltato, ci siamo chiariti dopo le mie scuse. Ovviamente non era contento, però ha accettato le mie scuse».

Anche Martin ha avuto modo di commentare i fatti e ha dimostrato grande maturità nelle sue parole, un altro pilota magari avrebbe reagito diversamente: «È chiaro che al primo giro non serve andare così. Avevamo già avuto un contatto prima e col secondo siamo finiti a terra. Un peccato. È venuto a scusarsi e abbiamo parlato, lo ringrazio molto per il gesto. Ha detto di aver misurato male e che quest’anno non gli stanno andando bene le cose. Alla fine può capitare a tutti. Guardiamo avanti».