MotoGP Aragon, Bagnaia si gode la prima vittoria: “Un sogno”

MotoGP Aragon, Bagnaia conquista la sua prima vittoria nella classe regina dopo una grande prestazione. Le dichiarazioni del pilota della Ducati

Francesco Bagnaia Ducati MotoGP
Bagnaia sulla Ducati (Foto: Getty Images)

Weekend perfetto per Pecco Bagnaia, autore di una gara sontuosa, controllata in maniera magistrale e dove è riuscito a tenere dietro un campione come Marc Marquez, dall’inizio alla fine costante minaccia. Per lui prima vittoria in MotoGP e 250esima conquistata da un pilota italiano in top class. Sabato, invece, pole position strepitosa con il miglior tempo della pista, superando il primato precedente dello stesso pilota di Cervera.

Perciò, Bagnaia non può che essere entusiasta di questo risultato, che lo avvicina sensibilmente a Fabio Quartararo, attuale leader della classifica e domenica arrivato solo ottavo.

LEGGI ANCHE >>> MotoGP Aragon, ordine d’arrivo: Bagnaia batte Marquez, Quartararo indietro

MotoGP Aragon, le dichiarazioni di Pecco Bagnaia dopo la Gara

Francesco Bagnaia
Francesco Bagnaia (Foto: Getty Images)

Dopo molte difficoltà incontrate nei Gran Premi precedenti, è quindi finalmente arrivato il primo successo di Bagnaia in MotoGP, arrivato al suo secondo anno nella classe regina. “Un sacco di emozioni oggi, sono un sacco felice – spiega Pecco. Abbiamo lavorato molto per questo risultato. Ogni volta ci avvicinavamo e ogni volta accadeva qualcosa. E’ un sogno portare a casa la mia prima vittoria“. Difficoltà, le sue e della Ducati in questa stagione, che lo portano a definire questa vittoria “una liberazione dal passato“.

Dopodiché, Bagnaia cerca di analizzare il suo duello, serratissimo per l’intera durata della gara, con Marquez, riconoscendo i meriti dell’avversario: “Non è stato facile restare davanti a Marc su questo tracciato. So che lui non è al 100%, però penso che comunque oggi con la voglia di vincere che aveva oggi, la sua rabbia, è stato molto competitivo. Io ho cercato di fare del mio meglio e sono arrivato primo – conclude -. E’ un sogno realizzato“.