Rally Grecia, vince Rovanpera: Ogier ipoteca il suo ottavo mondiale

Sono di fatto due i vincitori del Rally WRC di Grecia all’Acropoli di Atene, Rovanpera che conquista una vittoria importante e Ogier, che con un podio si avvicina al titolo assoluto

Rally Grecia Rovanpera
Kalle Rovanpera, seconda vittoria nel mondiale WRC in Grecia (Getty Images)

Sempre affascinante il tracciato dell’Acropoli, uno degli appuntamenti più amati e più storici del Mondiale Rally WRC tra sterrato, salti e rocce: imprevedibile per i piloti, massacrante per auto e gomme.

Rally Grecia, vince Rovanpera

Ma il giovanissimo finlandese Kalle Rovanpera dimostra una volta di più di essere il futuro della WRC con una splendida vittoria, la seconda della sua giovanissima carriera dopo quella ottenuta alcune settimane fa in Estonia.

Rovanpera, figlia di Harri, una delle leggende del rally finlandese e Mondiale, ha concretizzato il successo al termine di quattro giorni di dominio quasi assoluto nel quale il 20enne della Toyota ha vinto la bellezza di otto prove speciali, assicurandosi un margine molto ampio soprattutto in quelle che potevano fruttare un gap più ampio sui suoi avversari.

LEGGI ANCHE > Ford Puma Rally1, la nuova Auto ibrida per il Mondiale WRC 2022

Ordine d’arrivo

Ma a testimonianza della grande autorevolezza di Rovanpera nella giornata conclusiva è arrivata anche la vittoria della Power Stage sulla mitica Tarzan, la pista più dura e selettiva del percorso greco che ha visto il finlandese conquistare i punti extra per il bonus e allungare ulteriormente su Tanak, secondo in classifica.

Con Tanak secondo assoluto, a 42” da Rovanpera, l’altra notizia significativa è il terzo posto di Sebastian Ogier che ha optato per una gara attenta, speculativa e di contenimento. Pochi rischi per il francese che può permettersi il lusso di amministrare un vantaggio sempre più ampio nel mondiale WRC.

LEGGI ANCHE > Rally WRC, in gara a 91 anni: l’incredibile storia di Sobieslaw Zasada

Rally Sardegna Ogier
Terzo posto per Sebastien Ogier, vicinissimo al suo ottavo Mondiale (Getty Images)

La situazione nel Mondiale

A tre tappe dalla fine del mondiale, e dunque con 75 punti per chi vince qui bisogna aggiungerne altri 15 (cinque per ogni gara) di bonus nei power stage, Sebastian Ogier ha 180 punti, 44 di vantaggio su Elfyn Evans solo sesto al traguardo dell’Acropoli, con Neuville a 130.

Ciò significa che se Ogier facesse il pieno, trenta punti, nel prossimo evento in Finlandia – dove Ogier ha già vinto all’inizio della stagione – avrebbe la certezza matematica del suo ottavo titolo mondiale.