Michael Schumacher, che frecciata da Villeneuve: “Lui era il primo a farle”

Villeneuve, parlando del duello Hamilton-Verstappen, ha ricordato i suoi duelli con Michael Schumacher, lanciando una sorprendente accusa

Scontro Hamilton-Verstappen, la sorprendente accusa di Villeneuve a Schumacher
Scontro Hamilton-Verstappen, la sorprendente accusa di Villeneuve a Schumacher (Getty)

E’ ormai definitivamente esplosa la rivalità agguerrita tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. La lotta per il titolo mondiale si fa anche di veri e propri scontri. Quello di Monza ha fatto molto parlare: entrambi sono usciti fuori pista, ma ciò che ha colpito è che la monoposto di Verstappen è letteralmente salita sopra quella dell’inglese.

Duelli accesi che ricordano le grandi rivalità della storia della Formula 1: Lauda e Hunt, ma anche Prost e Senna o Villeneuve e Schumacher, che andò in scena nella stagione 1997. Le famose “sportellate” spesso diventano delle vere e proprie battaglie. E spesso si discute quando si supera il limite: dall’agonismo acceso al rischio di vere e proprie scorrettezze.

Leggi anche – Verstappen, un dubbio per il GP di Russia: la possibile decisione della Red Bull

Michael Schumacher
Michael Schumacher (Getty Images)

Hamilton-Verstappen, la sorprendente accusa di Villeneuve a Schumacher

Ne ha parlato l’ex pilota canadese, che in un’intervista al Corriere della Sera ha rievocato proprio quel duello di cui fu protagonista con il tedesco. “La rivalità tra Senna e Prost è arrivata molto oltre – ha spiegato – tra di loro c’era odio e volontà di giocare sporco. Questo non lo vedo tra Lewis e Max. Spero di vedere tanti altri duelli, ma senza che finiscano fuori”.

Villeneuve a tal proposito ha la sua idea: “Temo, però, che vedremo altre uscite di pista. Anche se non c’è cattiveria spesso la foga prendere il sopravvento. Anche se cattiverie del passato oggi non si vedono: quando correvo io Michael Schumacher era il primo a fare certe scorrettezze – ha detto l’ex campione del mondo – poi molti lo hanno seguito e lo fanno un po’ tutti. Ma questo è pericoloso”.