Hamilton, un alleato in meno per il Mondiale: “Ha perso motivazioni”

Glock, ex pilota di Formula 1, analizza la situazione di Hamilton nello scontro con Verstappen e dichiara che Bottas è un problema adesso.

Valtteri Bottas
Valtteri Bottas (©LaPresse)

L’ultima corsa in Messico non è certamente una gara che Valtteri Bottas ricorderà con piacere. Pur partendo dalla pole position, ha concluso al quindicesimo posto al traguardo. Sicuramente il contatto con Daniel Ricciardo alla prima curva lo ha condizionato.

Sul finlandese si sono anche abbattute delle critiche per quanto riguarda il fatto di non essere stato sufficientemente collaborativo con Lewis Hamilton al via della corsa. Infatti, Max Verstappen in curva 1 ha sorpassato entrambi e si è preso la prima posizione, andando poi a vincere. In casa Mercedes pensano che Bottas avrebbe dovuto agire diversamente.

LEGGI ANCHE -> Ferrari, è ufficiale: ingaggiati due nuovi piloti, la presentazione

F1, Timo Glock parla di Hamilton e Bottas

Valtteri Bottas
Valtteri Bottas (©LaPresse)

Timo Glock a Sky Sports ha parlato della corsa al titolo di Hamilton evidenziando che Bottas potrebbe non essergli di aiuto nel finale di stagione: «Lewis ha una buona macchina, ma non abbastanza per contrastare questa Red Bull e questo Verstappen. In più la Mercedes ha un problema Bottas. Non credo che Valtteri abbia la giusta motivazione per continuare ad aiutare Hamilton».

Glock, ex pilota di Formula 1, sottolinea che Bottas allo start della gara in Messico non si è comportato come si attendeva: «Credo che il team abbia deciso prima della gara cosa dovesse fare Valtteri, ma lui ha avuto un comportamento che non ho capito. Il suo compito era quello di ostacolare Max, ma non è successo. Invece Red Bull ha potuto contare su un Perez che ci sta mettendo il cuore per aiutare Verstappen».