Olivia O, lo yacht di Eyal Ofer: costo assurdo, design con un dettaglio unico

Olivia O è lo yacht del miliardario israeliano Eyal Ofer: il costo dell’imbarcazione è assurdo, il design presenta una caratteristica unica

 

Yacht
Yacht, immagine di repertorio Foto di JimboChan da Pixabay

Olivia O è un super yacht di lusso che non passa inosservato anche per la sua caratteristica forma. Il proprietario è il miliardario Eyal Ofer, magnate israeliano che opera nel settore immobiliare oltre ad essere lui stesso armatore. L’imbarcazione di lusso, il cui nome è dedicato alla figlia (Olivia Ofer) ha un primato da sottolineare: si tratta, infatti, del primo yacht che il cantiere norvegese Ulstein Verft ha progettato e costruito. Alla progettazione hanno partecipato anche due ingegneri come Espen Øino e Ulstein.

Varata nel 2018 dopo una costruzione durata un paio di anni, Olivia O ha una lunghezza di 88,5 metri e riesce a viaggiare ad una velocità di crociera di 16,6 nodi. A bordo trovano spazio 8 cabine che possono ospitare fino a 20 persone, oltre ad una trentina di persone dell’equipaggio. Immancabili i comfort presenti spesso su imbarcazioni di questo tipo: dalla sala cinema alla piscina e ancora palestra, spa e una sala cinema per intrattenere gli ospiti. Non insolita anche la presenza di un eliporto.

LEGGI ANCHE >>> Lady Moura, il superyacht di Al-Rashid: prezzo monstre, il dettaglio è d’oro

Olivia O, lo yacht di Eyal Ofer con prua rovesciata

I comfort garantiti da Olivia O non lo rendono certo uno yacht particolare. A quello ci pensa il particolare design che i progettisti norvegesi hanno utilizzato: la prua è, infatti, rovesciata, una insolita forma chiamata X-BOW e caratteristica dell’azienda nordica. Solitamente utilizzata per navi cargo, traghetti o traghetti, è stata utilizzata per la prima volta per uno yacht.

Clicca qui per le foto dello yacht Olivia O

Un dettaglio che non passa certo inosservato, così come non passa inosservato anche il prezzo dello yacht di proprietà di Eyal Offer. L’imbarcazione, infatti, è costata circa 200 milioni di dollari, al cambio attuale poco più di 170mila euro.