F1, Chris Horner sanzionato: la grave offesa a un ufficiale di gara

La Red Bull incassa un’altra vittoria di Hamilton e Horner fa i conti con il richiamo della Fia: convocazione e sanzione 

Horner
Horner (La Presse)

Il weekend poteva essere decisamente migliore per la Red Bull che sta comunque in lotta per i due titoli mondiali, anzi si avvicina alla Mercedes in quello costruttori. Certo il fine settimana in Qatar non è stato particolarmente fortunato considerata la penalità di Verstappen sulla griglia di partenza. Una situazione che ha mandato su tutte le furie Christian Horner, team principal della scuderia austriaca, che non ha lesinato un giudizio severo nei confronti dei commissari di gara, puntando il dito soprattutto contro chi ha sbandierato la bandiera gialla per il problema di Gasly in qualifiche.

Il manager aveva definito “canaglia” il commissario e la sua frase non è andata giù alla Fia: così nei confronti di Horner è stato aperto un procedimento da parte della Federazione ed è arrivata anche una sanzione, seppur attenuata.

LEGGI ANCHE >>> Verstappen in allarme, cosa è accaduto nelle Qualifiche: possibile penalità

Horner, la Fia lo sanzione: ammonizione e scuse

Horner convocato dalla Fia dopo la frase rivolta al commissario. Il manager della Red Bull è stato sanzionato con un’ammonizione, salvandosi da una punizione più pesante grazie alle scuse rivolte all’uomo. Horner, infatti, ha chiesto scusa allo Steward ed ha anche accettato di di prendere parte al programma di addestramento del prossimo anno e di spiegare ai media ciò che era accaduto.

Così il team principal Red Bull ha affermato: “Ho avuto un dialogo con la Fia e mi sono scusato perché non era nelle mie intenzioni creare un’offesa. La mia frustrazione non era indirizzata al singolo commissario ma alla particolare situazione e alla sua coerenza: un’auto passa con un singolo giallo, quella di dopo con il doppio giallo. Da questo, come sport possiamo imparare“.