Stefano Domenicali avverte Red Bull e Ferrari: “Riuscirà ad avvicinarsi”

Stefano Domenicali è sicuro che il Mondiale sia ancora aperto e che presto potrebbero arrivare delle sorprese per Red Bull e Ferrari.

Con la vittoria del Gran Premio del Canada, Max Verstappen è sempre più leader del Mondiale di Formula 1 di questa stagione. Il pilota olandese fino ad ora è stato impeccabile, dimostrando ancora una volta tutto il suo valore e quello della sua scuderia.

Red Bull Ferrari
Verstappen e Leclerc (Foto: LaPresse)

Dopo i ritiri di Bahrain e Australia, il team di Milton Keynes ha saputo reagire in maniera ineccepibile, affidando ai suoi due alfieri una monoposto super competitiva. Percorso inverso, invece, per la Ferrari che, dopo essere partita alla grande, sta pagando i problemi di affidabilità riscontrati a Barcellona e Baku, a cui si va ad aggiungere l’errore di strategia di Monaco su Leclerc.

Ad oggi, la classifica iridata recita 175 punti per Verstappen, 129 per Perez e 126 per il monegasco, mentre quella costruttori vede al comando la Red Bull a +76 dalla Rossa. Distacchi, questi, che hanno un certo peso, anche se, secondo Stefano Domenicali, è ancora presto per parlare di Mondiale finito.

Stefano Domenicali: “Ora è il contrario”

Stefano Domenicali
Stefano Domenicali (Foto: LaPresse)

Dopo le prime tre gare, Verstappen diceva che era finita, dato che la Ferrari era in testa di circa 40 punti” ha dichiarato il CEO della Formula 1 in un’intervista a Standard Sport. “Ora è il contrario, perché Max è in testa al campionato con 49 punti, ma dobbiamo essere prudenti perché il Mondiale è molto lungo e avrà molti alti e bassi” ha poi aggiunto il manager imolese, convinto peraltro che “Leclerc è in gran forma e la Ferrari è molto vicina“. Perciò, secondo lui, “è troppo presto per dire che il campionato è finito“.

Infatti, per lo stesso Domenicali, oltre a Ferrari e Red Bull, potrebbe inserirsi nella mischia anche la Mercedes, che negli ultimi Gran Premi ha dimostrato qualche passo in avanti nello sviluppo della W13. “Anche la Mercedes sta diventando più veloce, quindi lo scenario è quello di vedere più team in lotta tra loro” ha affermato.

Tutto dipenderà da come le Auto si adatteranno ai circuiti e da come, con questo budget, le squadre aggiorneranno le macchine” ha poi proseguito. Tuttavia, l’ex team principal della Rossa è certo che il team campione in carica tornerà a lottare davanti: “Sicuramente la Mercedes riuscirà ad avvicinarsi ancora, perché è una squadra incredibile e con tutti i titoli conquistati in passato, otto di fila, non si arrenderanno“.