Leclerc non ce la fa a nasconderlo: “Non era la decisione giusta”

Charles Leclerc è deluso dopo il quarto posto ottenuto nel Gran Premio di Silverstone. Le parole del pilota monegasco della Ferrari.

Delusione per Charles Leclerc, quarto al GP di Silverstone al termine di una gara che avrebbe potuto senz’altro vincere se non fosse entrata la safety car a guastargli i piani. Infatti, il monegasco aveva un buon ritmo fino a quel momento e si trovava in testa. Alle spalle aveva Sainz, che alla ripartenza si è fatto trovare pronto sfruttando il maggiore grip offerto dalle gomme soft montate in precedenza.

Charles Leclerc
Charles Leclerc (Foto: LaPresse)

Pochi istanti prima, infatti, la Ferrari si è trovata di fronte ad una scelta: far rientrare Carlos o Charles. La decisione è quindi ricaduta sullo spagnolo favorendolo, mentre Leclerc, che era rimasto con gomme bianche, peraltro abbastanza consumate, ne è uscito estremamente penalizzato, in balia degli attacchi prima di Perez e poi di Hamilton, anche loro con le morbide che gli hanno consentito di superarlo estromettendolo dal podio.

Perciò, il risultato ottenuto in Inghilterra non è ottimale per lui, specialmente in ottica classifica, dove si trova a 38 lunghezze di distanza da Max Verstappen che, con un po’ di fortuna per la Rossa, ha avuto qualche problema che lo ha rilegato in settima posizione.

F1 GP Silverstone, le dichiarazioni di Leclerc

Charles Leclerc Ferrari F1
La Ferrari di Leclerc (Foto: LaPresse)

In un’intervista a Sky Sport F1 nel post gara, Leclerc non è riuscito a nascondere la delusione per com’andato il GP. “È ancora una gara dove il risultato finale non c’è – ha dichiarato –. Ovviamente io ho fatto di tutto, credo si sia visto anche nella difesa alla fine. Non so se si poteva fare di più, però con la safety car io ero la prima macchina, mentre l’altra ha tenuto la posizione. Per me non era la decisione giusta, ma è andata così“.

In particolare, oltre al tema gomme, la Ferrari ha operato la strategia di lasciare il monegasco davanti a tutti, facendolo entrare subito in regime di safety car che non gli ha consentito di rientrare ai box, al contrario degli inseguitori che hanno sfruttato la situazione.

Non sono nessuno per chiedere chiarimenti alla Ferrari, però ovviamente è stata una gara frustrante, ho l’impressone di aver perso tempo sulla mia gara ottimale, soprattutto nei primi stint. Però non ho la fotografia globale” ha commentato.

Infine, ha concluso cercando di non distogliere l’attenzione dalla prima vittoria in Formula 1 del compagno di squadra. “Detto questo, oggi è la prima vittoria di Carlos quindi non vorrei che il focus sia sulla mia delusione ma più sul suo primo successo, che è un momento speciale. Però da parte mia non posso nascondere di essere deluso“.