Binotto deve ammetterlo: con la Ferrari succede sempre

A Maranello si analizza il momento complicato ma Binotto dà un giudizio destinato a far discutere: con la Ferrari succede sempre 

Il momento dei primi giudizio è arrivato. La Formula 1 va in vacanza ed allora è questo il momento giusto per analizzare la prima parte di stagione.

Binotto
Binotto © LaPresse

Tredici gare disputate, altre nove da fare e il Mondiale sembra aver preso in maniera netta la strada che porta al bis di Verstappen e al trionfo Red Bull.

Questo nonostante la Ferrari abbia dimostrato di avere, in più di un’occasione, la macchina più veloce. Un salto in avanti come prestazioni che non può che far vedere il bicchiere mezzo pieno a Maranello anche se, errori e problemi di affidabilità portano i meno ottimisti a concentrarsi sulla metà vuota del bicchiere.

Nel mirino delle critiche è finito anche Mattia Binotto che da team principal ha la responsabilità di ciò che accade in Ferrari. Le sue parole post Ungheria non hanno riscosso grande approvazione, soprattutto quelle relative alla difesa degli uomini che hanno deciso la strategia delle soste.

Binotto ammette: “Giudizi duri sulla Ferrari”

Binotto
Binotto © LaPresse

Proprio su questo tema si sono concentrate le parole di Binotto riportate da ‘Channel4’. Dichiarazioni che evidenziano quanto sia complicato a Maranello reggere il peso della pressione.

L’ingegnere a capo della Rossa ha spiegato: “Per noi le aspettative sono sempre molto alte. E lo si evidenzia quando commettiamo degli errori, come quelli fatti in Ungheria ma anche in passato”. Errori che non sono certo passati inosservati: “I giudizi nei confronti della Ferrari sono sempre molto duri, ci sono sempre molte discussioni“.

Binotto si è mostrato orgoglioso del lavoro fatto dal team e ha rispedito al mittente tutte le critiche e i dubbi sul valore della squadra: “Si dice che non sia all’altezza, che la nostra gente non sia brava: non è questo il caso – la rivendicazione del manager – . In pista abbiamo portato una monoposto veloce nella prima parte di stagione e anche preso decisione giuste“.

Binotto ricorda quelle in Austria e Francia senza però nascondere gli errori: “Alcune volte ci complichiamo la vita ma fa parte delle corse“. Obiettivo ora è evitare che succeda ancora spesso nella seconda parte di stagione.