Marc Marquez, la risposta del Team Manager a un’ipotesi suggestiva

Marc Marquez è legato alla Honda fino al 2024. Davide Tardozzi ha detto la sua su una possibile ipotesi per il campione iberico

Ducati grande protagonista anche nella prima giornata di test Irta a Misano, con Pecco Bagnaia che segna il best lap della giornata. Nella seconda giornata appaiono le prime novità “rivoluzionarie” del team di Borgo Panigale, con i piloti ufficiali che hanno provato un nuovo dispositivo posizionato sulla leva della frizione per migliorare la fase di partenza. Oltre ad un aggiornamento di telaio che richiederà ulteriori sviluppi da qui alla prossima stagione.

Marc Marquez Automotorinews 07-09-2022
Marc Marquez Automotorinews (foto LaPresse)

L’idea è di migliorare la Desmosedici GP senza stravolgerla, la moto sta permettendo di essere competitivi su ogni pista e a Pecco Bagnaia di inseguire il sogno iridato. Sono 30 i punti da recuperare in classifica dal leader Fabio Quartararo, ma il distacco va attribuito ai quattro zeri accumulati tra Losail, Le Mans, Montmelò e Sachsenring. Da ricordare che l’incidente in Spagna è stato del tutto involontario, essendo stato atterrato alla partenza da Taka Nakagami (non sanzionato dalla Direzione Gara).

Ducati e i sogni per il futuro

I vertici dell’azienda emiliana possono tracciare un bilancio positivo fino a questo momento. Resta saldamente al comando della classifica costruttori, ma manca la ciliegina sulla torta: il titolo piloti. Un vuoto che proverà a colmare Pecco Bagnaia, autore di una speciale volata nel GP di Misano con il futuro compagno di team Enea Bastianini, che per poco non gli portava via 5 punti nei metri finali. “Enea è quarto in campionato, lontano dal primo, ma deve finire il più avanti possibile in campionato – spiega il team manager Davide Tardozzi ad ‘AS’ -. È giusto che faccia la sua gara“.

Marc Marquez Automotorinews 07-09-2022
Marc Marquez (foto LaPresse)

Per il momento i vertici della scuderia non hanno impartito ordini di squadra, pur ricordando di non assumere atteggiamenti poco proficui nei confronti dei compagni di marca. “Certo non siamo stupidi e a fine campionato chiederemo ai piloti di aiutare Pecco se possono – ha aggiunto Tardozzi -, ma al momento Pecco non ha bisogno di aiuto perché sta vincendo“.

Fino al 2024 la line up piloti è stata decisa, nello stesso anno scadrà anche il contratto di Marc Marquez, un sogno che Ducati ha provato a rincorrere negli anni precedenti. Ci sarà una possibilità per vederlo in rosso? Tardozzi non esclude del tutto l’ipotesi: “Lasciamo che faccia la sua storia. La prima cosa per lui è tornare ad essere Marc e vincere con la Honda. Voglio che sia il vero Marc Marquez, perché niente mi dà più soddisfazione che battere il migliore“.