Alonso non le manda a dire: “E’ inaccettabile”

Fernando Alonso non le manda a dire e mostra tutta la sua amarezza per quanto accaduto: E’ inaccettabile” tuona lo spagnolo

Un’altra delusione per Fernando Alonso. Lo spagnolo ha visto ancora una volta una buona gara rovinata da problemi di affidabilità.

Fernando Alonso
Fernando Alonso © LaPresse

Sta diventando ormai un’abitudine per la Alpine che esce da Singapore con zero punti in cascina, visto che anche Ocon non è riuscito a terminare il GP per problemi alla monoposto.

La scuderia francese è stata superata dalla McLaren al quarto posto nella classifica costruttori e ha dimostrato di non essere riuscita a superare i problemi che hanno condizionato l’intera stagione. Partito dalla quinta posizione, Alonso ha duellato per restare in top five prima di doversi arrendere ai problemi della macchina. Secondo ritiro consecutivo dopo quello di Monza, quarto in stagione, con il pilota che si rammarica per quel che poteva essere e non è stato e per essere stato costretto al ritiro sul più bello.

Alonso bacchetta la Alpine: “Fa male”

Alonso
Fernando Alonso © LaPresse

Fernando Alonso ha commentato la gara di Singapore con grande amarezza. Intervenuto a ‘DAZN’, lo spagnolo racconta il suo umore al termine del GP: “Fa male pensare che abbiamo perso più di sessanta punti per l’affidabilità, tutto questo in una delle mie stagioni migliori“.

L’ex Ferrari torna sulla gara: “Potevamo portare a casa tra gli 8 e i 10 punti – dice – . Perdere sessanta punti in un campionato è inaccettabile. Mi sconvolge molto: per tutto il fine settimana avevo fatto un’altra buona prestazione“. Non è stata però sufficiente per incrementare il bottino di punti della Alpine che, ancora una volta, si è ritrovata costretta ad alzare bandiera bianca prima del traguardo. Una situazione che Alonso non riesce più a sopportare e lo dice apertamente.

Per lo spagnolo queste però saranno le ultime gare al volante della vettura transalpina. Dal prossimo anno, infatti, il 41enne asturiano lascerà la Alpine per trasferirsi alla Aston Martin dove prenderà il posto di un altro grande ‘vecchio’ della Formula 1, Sebastian Vettel. La speranza per l’ex ferrarista è ovviamente potersi dimenticare i tanti problemi di affidabilità patiti quest’anno e trasformare in piazzamenti e punti le buone performance in pista.