Concessionario disonesto, toglie 7 MLN di km dalle auto rivendute!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:33
153

Il mercato delle auto usate ha sempre fatto gola a molti rivenditori disonesti, come il protagonista del nostro articolo, il concessionario disonesto multi-marca del Burgraviato nell’Alto Adige.

 

Concessionario disonesto
Concessionario disonesto, toglie 7 MLN di km dalle auto rivendute: Indaga la GDF (Foto: Getty)

Concessionario disonesto: Da un indagine della guardia di finanza di Merano, per tutelare i consumatori nel settore delle auto usate, sono stati sequestrati quasi 240 mila euro da un noto concessionario del Burgraviato nell’Alto Adige.

Tale somma sarebbe il ricavato che il concessionario disonesto avrebbe ottenuto diminuendo illegalmente il chilometraggio su quasi 170 autovetture.

Più di 7 MLN di chilometri ! Questo è risultato alla GDF di Merano dopo aver riscontrato importanti anomalie nelle banche dati della polizia e attraverso il portale dell’automobilista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Auto sequestrate alla criminalità: una Ferrari per i vigili, una Lamborghini per la stradale

Concessionario altoatesino dal 2015 al 2018 su 170 autovetture usate diminuisce più di 7 MLN di chilometri per aumentare i guadagni, incastrato dalla GDF di Merano.

Concessionario disonesto
Concessionario disonesto, toglie 7 MLN di km dalle auto rivendute: Indaga la GDF (Foto: Getty)

La Guardia di Finanza di Merano ha riscontrato che su 300 veicoli rivenduti dal concessionario del Burgraviato, circa il 55% ovvero 168 autovetture avevano subito il “ringiovanimento” dei chilometri realmente percorsi.

Concessionario disonesto, cosa rischia ?

Per tutelarci dalle truffe, una volta che si è riscontrata una manomissione del genere si possono percorrere due strade.

Entro tre mesi dalla data di acquisto si può sporgere querela presso i carabinieri di zona, in alternativa alla polizia o presentando un atto alla Procura della Repubblica.

Alla querela seguirà l’apertura del procedimento penale e l’indagine che durerà 6 mesi, prorogabili di altri 6 mesi.

Al termine delle indagini il PM deciderà se chiedere il rinvio a giudizio per il concessionario disonesto, e qualora la richiesta venga accolta dal giudice ci si potrà costituire in parte civile e chiedere il risarcimento del danno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Velletri, incredibile incidente d’auto tra un finanziere, un prete e un carabiniere