Guida autonoma: Difficoltà di marcia in condizioni climatiche avverse

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:25

Dai test effettuati da parte del professore universitario canadese Krzysztof Czarnecki le auto con guida autonoma risultano essere in seria difficoltà in condizioni climatiche avverse.

Guida autonoma
Guida autonoma: Difficoltà di marcia in condizioni climatiche avverse. (Foto: Getty)

Pioggia, neve e ghiaccio sembrano essere il tallone di Achille delle nuove auto con guida autonoma, così appare dagli ultimi test effettuati.

Krzysztof Czarnecki, professore universitario canadese, da test effettuati alla fine del 2018 ha rilevato una difficoltà per le auto con guida autonoma nell’affrontare durante la marci condizioni climatiche avverse quali pioggia, ghiaccio o neve.

Il professore ha inserito i dati di guida in un’auto a guida autonoma alcune mappe di città tedesche, dopo i buoni risultati ottenuti si è spostato in Canada nell’Ontario, zona soggetta a temperature molto rigide con frequenti nevicate.

Durante la marcia in queste condizioni climatiche avverse, più di una volta il pilota all’interno dell’auto onde evitare incidenti, è stato costretto a riprendere il comando dell’auto.

Da questi test è emerso le lacune che queste auto ancora oggi hanno quando il fondo della strada risulta non essere in perfette condizioni e la visibilità risulta compromessa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Android Auto Technology, previsto per luglio 2020 l’arrivo in BMW

Per porre rimedio a queste problematiche il professore canadese ha prodotto molte immagini ambientali con situazioni climatiche avverse.

Guida autonoma
Pioggia, neve e ghiaccio sembrano essere il tallone di Achille delle nuove auto con guida autonoma. (Foto: Getty)

Ambienti con scarsa visibilità, auto in condizioni di bufere di neve e scivolamenti sul ghiaccio sono stati raccolti da Krzysztof Czarnecki durante i periodi invernali.

Tutte queste situazioni ambientali critiche per la guida sono state inserite nella componentistica hardware che regola la marcia autonoma e ne pianifica i percorsi.

Questi dati si spera siano in grado di aiutare i ricercatori negli sviluppi dei nuovi algoritmi che consentiranno guide in condizioni climatiche avverse.

Waymo e Argo ed altre aziende hanno cominciato ad effettuare test in condizioni critiche alla guida, e dalle ultime notizie sembra che l’ultimo aggiornamento del software di casa Waymo riesca a fronteggiare queste situazioni estreme durante la guida, ma il tutto è da verificare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Volkswagen ID3, la prima macchina che “parla” con le luci