Calciomercato Juve, Guardiola riflette: ora è davvero ad un passo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:17
21

Gli ultimi sviluppi in seno al Manchester City sono una brutta batosta per le velleità degli inglesi e di Pep Guardiola: ora il calciomercato Juve può davvero sognare in grande

Calciomercato Juve Guardiola
Pep Guardiola (Getty Images)

Sarà il momento difficile, sarà che Sarri non ha mai convinto del tutto, sarà che questo sogno Pep Guardiola dalla scorsa estate non è mai sfumato, fatto sta che la Juventus non è mai stata così vicina all’allenatore spagnolo. Il calciomercato Juve potrebbe aver avuto un assist clamoroso dalla UEFA. Il blocco del mercato al Manchester City per ben due anni squarcia un velo clamoroso su un rapporto che, da quando è iniziato, si è basato anche e soprattutto sul vile denaro.

Da quando è a Manchester, Guardiola ha speso fior di milioni, acquistando i migliori calciatori sulla piazza e arrivando a spendere anche quasi 100 milioni per un solo difensore. Adesso, senza il mercato e senza poter plasmare la squadra come vuole lui, un rapporto già un po’ stanco potrebbe definitivamente scoppiare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Caceres, quando distrusse la Ferrari e la Juventus lo mise fuori squadra

Calciomercato Juve, Agnelli fiuta l’arrivo di Guardiola: una grossa responsabilità

Calciomercato Juve Guardiola
Josep Guardiola (Getty Images)

Adesso però, se le cose iniziano a farsi davvero serie, la Juventus e il suo presidente Andrea Agnelli devono iniziare a ragionare su quello che sarà il suo futuro. Già, perché l’arrivo di Guardiola farà schizzare vertiginosamente il calciomercato Juve con acquisti da capogiro, forse l’unico modo per convincere davvero Pep. Lui è abituato a creare una squadra secondo una propria filosofia, anche a costo di rivoluzionare tutto. E le rivoluzioni, si sa, si pagano a caro prezzo. Dagli innesti in difesa e a centrocampo al possibile sogno Messi alla Juve, adesso in casa bianconera si può iniziare davvero a sognare in grande.

Una gran brutta notizia per Maurizio Sarri, che a Torino non ha mai convinto del tutto e che, se davvero si liberasse un big come Guardiola, potrebbe solo cedere il passo e salutare una piazza che ha già dimostrato di non amarlo troppo.