Maserati: 800 MLN di investimenti, per il “Tridente” il futuro è elettrico!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30
173

Anche per la storica casa del tridente di Modena il futuro dovrà essere rigorosamente “elettrico” e gli investimenti non saranno affatto uno scherzo…

Maserati
Maserati: 800 MLN di investimento, per il “Tridente” il futuro è elettrico! (Foto: Getty)

Maserati ha da poco annunciato i piani di sviluppo che riguarderanno le sue prossime produzioni.

Maserati: La programmazione inizierà quest’anno, e la prima Maserati a propulsione ibrida ad essere prodotta sarà la Ghibli.

Nel prossimo futuro, 2021, inizierà la produzione delle nuove Gran Turismo e Gran Cabrio che saranno le prime ad adottare soluzioni al 100% elettriche.

Gran Turismo e Gran Cabrio saranno affidate al polo produttivo di Mirafiori e l’investimento da parte della casa di Modena non sarà affatto uno scherzo, 800 MLN di euro!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Volkswagen crea un robot che carica la tua auto elettrica nei parcheggi

Nella sede di Modena invece ci si concentrerà sulla produzione delle vetture in gamma e della nuova super sportiva, che sarà la prima ad essere svelata in questo 2020.

Maserati
L’investimento da parte della casa di Modena non sarà uno scherzo, 800 MLN di euro! (Foto: Getty)

Maserati: Sempre nello stabilimento modenese si stanno aggiornando le linee di produzione, in modo da poter ospitare a breve anche la versione elettrica della super sportiva del tridente.

Il centro emiliano che si occupa dell’innovation lab technology continuerà nella ricerca e sviluppo tecnologico di tutte le vetture Maserati, lavorando in simbiosi con tutti gli scenari futuri che si presenteranno nell’ Hi-Tech di nuova generazione, tenendo però sempre a mente la storica tradizione che contraddistingue il marchio Maserati nel mondo.

Da Cassino invece arriverà un nuovo veicolo utilitario, anche qui Maserati farà importanti investimenti e la nuova linea di produzione partirà alla fine di Marzo 2020 salvo imprevisti dell’ultimo minuto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Quanto inquina realmente un’auto elettrica