MotoGP 2020, partenza a Jerez a luglio: la proposta di calendario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:24

MotoGP, secondo quanto riporta la rivista Speedweek citando una fonte della Dorna, la stagione potrebbe partire a Jerez il 19 luglio. Nello scenario migliore, si potranno disputare 14 gran premi

MotoGP, partenza a Jerez a luglio: la proposta di calendario 2020
MotoGP, partenza a Jerez a luglio: la proposta di calendario 2020

La MotoGP sembra aver trovato una soluzione per salvare almeno in parte la stagione 2020. Secondo la rivista tedesca Speedweek, solitamente ben informata, che cita una fonte interna alla Dorna, l’ipotesi allo studio prevede di iniziare il Mondiale a Jerez il 19 luglio. Nell’ipotesi migliore, scrive la rivista, si riusciranno a disputare 14 gran premi.

A Jerez, il partner della Dorna nell’evento è la regione autonoma dell’Andalusia, che avrebbe tutto l’interesse a utilizzare il gran premio come un veicolo per la ripresa del turismo nella seconda parte dell’anno.

Dopo questa prima gara, il calendario potrebbe proseguire a Brno il 9 agosto e allo Spielberg, in Austria, il 16 agosto, dove dovrebbe iniziare il Mondiale di Formula 1. Al momento, non sarebbe nemmeno esclusa la possibilità di gareggiare due volte nello stesso impianto, ma la versione definitiva del calendario dopo il lockdown dipenderà dal numero di circuiti con cui la Dorna riuscirà a mantenere un accordo per questa stagione.

Leggi anche – Valentino Rossi, futuro lontano dalla MotoGP: la previsione di Suppo

MotoGP, speranza Buri Ram e Sepang

MotoGP, speranza Buri Ram e Sepang
MotoGP, speranza Buri Ram e Sepang

Secondo quanto riporta la rivista tedesca, gli organizzatori delle gare in Europa non dovrebbero versare alla Dorna la “fee” prevista, visto che si correrà a porte chiuse. La società spagnola, comunque, se si ripartirà riuscirà a salvare i diritti televisivi e gli introiti garantiti dagli sponsor che hanno acquisito i naming rights, i diritti di denominazione ufficiale, dei gran premi.

In autunno, non viene esclusa nemmeno la possibilità di gareggiare a Buri Ram e a Sepang, dove la pandemia è maggiormente sotto controllo, perfino a porte aperte. Se invece non si troverà l’accordo con i due impianti asiatici, la stagione 2020 potrebbe diventare la prima dal 1980, per la classe regina, con tutte gare in Europa. Quarant’anni fa, la stagione partì l’11 maggio a Misano e terminò il 24 agosto al Nurburgring. In mezzo, furono cancellati tre eventi, in Venezuela e in Svezia per ragioni economiche, in Austria per una nevicata.

Leggi anche – MotoGP, attacco di Puig a Dovizioso: tutto per colpa di Marquez