Decreto Rilancio, incentivi auto e bonus mobilità: le misure

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:02

Le misure per la mobilità contenute nell’ultima bozza del Decreto Rilancio. Rifinanziati gli eco-bonus, previsti bonus per l’acquisto di biciclette e monopattini elettrici

Monopattini
Monopattini elettrici

L’ultima bozza del Decreto Rilancio prevede per il mercato dell’auto un rifinanziamento dell’ecobonus attuale per il 2020. Non contempla, però, le misure proposte al governo che vanno dall’estensione della soglia di emissioni di anidride carbonica per accedere al bonus con la creazione di una terza fascia al ritorno di un super-ammortamento per le auto aziendali.

Il governo ha aggiunto altri 100 milioni ai settanta che già erano stati previsti nella legge di bilancio 2019, per gli ecobonus. Restano invariate, invece, le soglie di emissioni per accedere al bonus e l’entità dello sconto che si riceve: 4 mila euro se il livello di CO2 va da 0 a 20 grammi per chilometro, 1.500 nella fascia 21-70 g/km. Le cifre però possono salire a 6 e a 2.500 euro rottamando un’auto Euro 0, 1, 2, 3, e 4.

Leggi anche – Fase 2, incentivi sulla mobilità: via libera a bici e monopattini

Decreto Rilancio, il bonus mobilità

Decreto Rilancio, il bonus mobilità
Decreto Rilancio, il bonus mobilità

La bozza di decreto contiene un “bonus mobilità” per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, e altri mezzi prevalentemente elettrici come segway, hoverboard, monopattini e monowheel. La misura è riservata ai cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di regione, nelle città metropolitane, nei capoluoghi di provincia e nei comuni con più 50.000 abitanti. Il bonus, che può raggiungere al massimo i 500 euro, copre il 60% della spesa sostenuta per l’acquisto di mezzi “green” dal 4 maggio al 31 dicembre 2020

Il buono può essere richiesto una sola volta, e soltanto per ed esclusivamente per una delle destinazioni d’uso previste. Il Decreto Rilancio riprende anche una norma contenuta nel cosiddetto Decreto Clima, ovvero un ulteriore bonus riservato agli abitanti delle città oggetto delle procedure di infrazione dell’Unione Europea per la scarsa qualità dell’aria, come Milano, Torino, Roma, Catania e Genova. Qui, la rottamazione di auto fino a Euro 3 e motocicli fino a Euro 2 o Euro 3 se a due tempi, può portare a un ulteriore rimborso di 1500 euro.

Il provvedimento, infine, estende l’ecobonus riservato alle ristrutturazioni edilizie alle colonnine di ricarica per le auto elettriche. Se l’installazione è accompagnata da uno degli interventi previsti per l’efficientamento energetico in cui rientrano l’isolamento termico, la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, l’installazione di impianti solari fotovoltaici, si può ottenere il rimborso. L’ecobonus è pari al 110% delle spese sostenute. La cifra si detrae dalla dichiarazione dei redditi in cinque quote annuali di pari importo.

Leggi anche – Bonus Bici da 500 euro: come accedere a incentivo per mobilità alternativa