Formula 1, Mercedes chiede di più ai dipendenti: “Non sarà facile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22

Il team Formula 1 della Mercedes cerca di stringere ancora di i ranghi della sua scuderia in vista del rush che assegnerà un Mondiale 2020 che inzia in ritardo e tra mille incertezze.

Mercedes F1
La Mercedes di Bottas nelle prove del Mont Melo (Foto Getty)

Una lettera a tutti i dipendenti del team corse per ringraziarli del lavoro durante questi mesi difficili e per appoggiarli nel corso dell’intensissimo lavoro che si prospetta nei prossimi mesi.

Mercedes chiede uno sforzo in più

La Formula 1 non ha mai vissuto un periodo così incerto: si parla di almeno 15 Gran Premi in cinque  mesi scarsi, uno sforzo logistico e di produzione non indifferente di fronte ad aziende che hanno dovuto affrontare qualche taglio di budget e parecchie razionalizzazioni. Di qui la decisione del Team di scrivere a tutti i suoi collaboratori.

“Sappiamo che sarà molto difficile e che tutti i settori vivranno un momento particolarmente impegnativo, desideriamo quindi ringraziare tutti e chiedere il massimo impegno a ognuno ma anche il senso di responsabilità di avvertire il proprio line manager di fronte a qualsiasi difficoltà”.

LEGGI ANCHE > “Vettel fermati un anno” il suggerimento del grande vecchio della F1

“Saremo certamente all’altezza”

Si va incontro a un periodo estremamente stressante e alla Mercedes, sia lo staff di Lewis Hamilton che quello di Valtteri Bottas, lo sanno molto bene: “Alla fine dovremo correre una stagione come le altre perché le corse rimarranno più o meno le stesse ma in tempi estremamente più ristretti. Sarà molto più difficile organizzare la logistica e da qui alla fine dell’anno sarà quasi impossibile tornare a casa anche per una brevissima pausa. Il calendario avrà un impatto fortissimo su auto, motori e team. Lavorare nei paddock, anche per un mese di fila, con misure molto restrittive per contrastare la pandemia sarà un’altra difficoltà”.

Mercedes è sicura di avere creato un protocollo molto competitivo: “Siamo convinti che anche in questo momento, al termine di questo periodo, verrà fuori l’eccellenza dei nostri uomini e del nostro team.Siamo consapevoli che stiamo chiedendo tantissimo a tutto il nostro staff, ma siamo altrettanto convinti che siano tutti all’altezza della sfida”.

Leggi ancheSchumacher e la più grande stupidaggine fatta in carriera, parla il manager