Superbike Montmelò, Rea lascia la Superpole Race a Van Der Mark

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39

Per Jonathan Rea è solo questione di tempo, nemmeno troppo.

Superbike Van der Mark
Michael van der Mark su Yamaha conquista la Superpole del Gran Premio Catalunya di Superbike al Montmelò (Getty Images)

Una tappa dopo l’altra Jonathan Rea si conferma l’autentico dominatore del campionato mondiale di Superbike e conquista una seconda posizione comunque preziosissima nella Superbike, aumentando ulteriormente il suo distacco al vertice della classifica.

Superbike al Montmelo, Rea gestisce

La partenza vede ancora una volta Rea decisamente pronto a mettersi davanti a tutti: ma il pilota della Kawasaki, campione del mondo in carica e leader della classifica, non fa i conti con Van Der Mark, decisamente molto brillante mentre Redding e Davies pagano uno start pessimo e si ritrovano risucchiati nel traffico. Rea si trascina dietro Van Der Mark e Bautista che a un certo punto decide anche di attaccare, portandosi al comando. Ma dura poco: preso dalla foga Bautista si disunisce e vola per aria cadendo pesantemente. Subito dopo finiscono a terra anche Haslam – parecchio malconcio – Caricasulo e Cavalieri. Van Der Mark ne approfitta per andarsene avanti mentre Davies recupera qualcosa e Redding continua a collezionare errori.

Rea dà un’occhiata ai tempi e alla posizione dei più diretti concorrenti e decide che non è il caso di dannarsi l’anima. Van Der Mark prosegue la sua corsa fino al traguardo aggiudicandosi 12 punti e la pole: dietro di lui Rea, Baz, Davies, Gerlof (miglior risultato stagionale per lui e la scuderia), Rinaldi, Lowes e uno Scott Redding decisamente sotto tono che perde altro terreno in classifica generale.

Dopo la vittoria in Gara #1 attesa di Gara #2 la classifica provvisoria del mondiale Superbike, Rea sale a quota 277 con 48 punti di vantaggio su Redding. Terzo Davies, quarto Van Der Mark che scavalca Razgatlioglu ormai aritmeticamente fuori dalla lotta per il titolo

LEGGI ANCHE > Superbike, Cortese parla dopo l’incidente: “Fortunato a essere ancora vivo”