Waymo, taxi a guida autonoma senza conducente: il debutto negli Usa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:15

Waymo sta compiendo grandi passi avanti con il proprio progetto che prevede taxi a guida autonoma senza conducente. Il debutto a Phoenix.

Waymo
(Foto: Getty)

Sono ormai numerosissimi i progetti che riguardano la mobilità del futuro. Uno dei principali è senza dubbio il trasporto pubblico che vede l’assenza del conducente. In molti Paesi, esistono già treni di questo tipo, ma la vera sfida riguarda specialmente le auto, dove il traffico rappresenta un fattore di difficile previsione e gestione. Tuttavia, esistono molte società che stanno lavorando sul settore, come Zoox, Uber e Cruise.

Fra questi, senza dubbio figura anche Waymo, che di recente aveva annunciato una collaborazione con Volvo per lo sviluppo della guida autonoma. Guida autonoma che è al centro dell’ultimo progetto della compagnia di Mountain View, in California, dato che ormai i taxi senza guidatore stanno per diventare presto realtà. Infatti, dopo il ritardo dovuto al Covid-19, il debutto ufficiale è previsto il prossimo 15 ottobre a Phoenix, nello Stato USA dell’Arizona.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Volvo per i taxi a guida autonoma: il progetto con Waymo

Waymo, i robotaxi al debutto: primi test a Phoenix il 15 ottobre

Waymo
(Foto: Getty)

Il servizio di robotaxi interamente automatizzato è ormai pronto per il debutto in città. Un progetto per cui ci sono voluti molti anni per lo sviluppo, ma che adesso sembra essere giunto a compimento. Nel dettaglio, le persone potranno usufruire dei mezzi a guida autonoma, viaggiando in minivan senza guidatore. Minivan che sono forniti dal partner italo-americano FCA.

Inoltre, nelle prossime settimane, verrà lanciata altresì l’app che permetterà agli utenti di utilizzare il servizio. Inizialmente, i veicoli agiranno solamente entro un’area di circa 129 km quadrati, ma che dovrebbe estendersi ad altre zone degli Stati Uniti successivamente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Apple e auto a guida autonoma: depositati tre brevetti, le novità