Ferrari, i piloti per i test di Abu Dhabi di Formula 1: chi sono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

La Ferrari ha annunciato i piloti per lo Young Driver Test di Abu Dhabi del prossimo 15 dicembre. 

Ferrari, annunciati i piloti per i test di Abu Dhabi di Formula 1
Ferrari, annunciati i piloti per i test di Abu Dhabi di Formula 1

La Ferrari ha annunciato la coppia di piloti dell’Academy che saranno protagonisti dello Young Driver Test di Abu Dhabi in programma martedì 15 dicembre. Due giorni dopo la conclusione del Mondiale di Formula 1 avranno modo di salire sulle SF1000 due delle promesse della scuderia di Maranello, Robert Shwartzman e Antonio Fuoco.

Il russo, capace di portare a casa tre successi in Formula 2, erediterà la vettura da Sebastian Vettel e Charles Leclerc. Sarà la sua prima volta con la monoposto di questa stagione, ma non la sua prima in assoluto su una Formula 1. A Fiorano, infatti, a settembre ha testato la SF71H del 2018.

Fuoco, 24enne calabrese, è da qualche stagione impegnato nel Mondiale di Formula E. Con la Ferrari ha partecipato ai test del 2015 in Austria, del 2016 e del 2019 a Barcellona. In queste occasioni, ha percorso complessivamente 309 giri con la Ferrari. Non è stato promosso tra i piloti nel Mondiale, ma è rimasto nell’ambiente della Ferrari.

Lavora infatti come coach dell’Academy di Maranello e porta avanti lo sviluppo del simulatore del Cavallino. Attività sempre più decisiva alla luce delle costante riduzione delle giornate di test.

Leggi anche – Ferrari, Binotto sulla power unit 2021: “Accorceremo il gap da Mercedes”

Ferrari e Alfa Romeo, i piloti per i test

Ferrari e Alfa Romeo, i piloti per i test
Robert Schwartzman, tra i piloti che parteciperanno con il Cavallino ai test

Ad Abu Dhabi ci sarà anche un altro dei giovani della Ferrari Drivers Academy. Oltre a Mick Schumacher, pilota ufficiale della Haas dal 2021, potrà testare il mondo della Formula 1 anche il britannico Callum Ilott, che ha vinto tre gare in stagione in Formula 2. Il 22enne guiderà un’Alfa Romeo.

Ilott è una scommessa vinta di Massimo Rivola, allora direttore dell’Academy Ferrari e oggi a capo dell’Aprilia in MotoGP, che l’ha rilanciato dopo l’uscita dal programma per giovani piloti della Red Bull.

Leggi anche – Mick Schumacher, futuro in rosso: spunta un augurio autorevole