Vendita Moto e scooter: dicembre 2020 chiude in positivo. I dati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

I dati delle vendite di Moto e scooter sono positivi nell’ultimo mese dell’anno: i numeri delle immatricolazioni

vendite moto e Scooter
Scooter (Getty Images)

Le moto e gli scooter (anche per commettere reati) sono sempre più venduti ed apprezzati in Italia. Le due ruote, utilissime per circolare soprattutto nelle metropoli soffocate dal traffico, anche nel mese di dicembre hanno registrato dati molto positivi, come riportato dall’ANCMA. Una vera e propria impennata nell’ultimo mese dell’anno, con una crescita di quasi il 24% (23,98 per la precisione), rispetto al mese di dicembre del 2019.

Ha influito probabilmente anche il Covid-19 e la voglia, da parte dei cittadini, di utilizzare sempre meno i mezzi pubblici; ed il risultato è di ben 7.630 scooter e moto immatricolati. Il numero aumenta a 9.140 se vengono inclusi anche i ciclomotori.

Questi ultimi, però, nel mese di dicembre hanno pagato oltremodo l’esaurimento degli incentivi governativi sui veicoli ecologici, ad emissioni zero. Il calo è stato evidente, con un 33,66% e solo 1.510 mezzi venduti. Se i ciclomotori hanno subìto un netto calo, decisamente in controtendenza gli scooter, che aumentano la loro quota di mercato del 6,07% con ben 3.601 immatricolazioni, comprese tutte le cilindrate a disposizione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Piaggio, Vespa e Beverly tra gli Scooter più eleganti: la classifica Forbes

Vendita Moto e scooter: i dati del 2020

Vendite Moto e scooter
Scooter (Getty Images)

Sono, però, le moto il vero traino delle due ruote per il mese di dicembre. Gli italiani si sono riscoperti motociclisti e ben 4.029 le due ruote vendite per un’impennata del 46,03% che evidenzia la ripresa di un settore danneggiato pesantemente dal lockdown.

Le vendite negli ultimi mesi dell’anno hanno solo parzialmente limato le perdite di tutto il 2020 rispetto all’anno precedente. Il calo, infatti, c’è stato eccome, con un -5,76% in totale per il mondo delle due ruote, con “soli” 218.626 immatricolazioni. Per quanto riguarda il mondo delle moto, la flessione è inferiore al 5% (-4,86%) con 94.108 vendite. Decisamente più pesante il calo nel mondo degli scooter, con un -6,43% e 124.518 mezzi acquistati.

I ciclomotori, invece, sfruttando gli ecoincentivi da parte del governo, soprattutto per quanto riguarda l’elettrico, hanno chiuso il 2020 con un -3,02% e bel 19.746 immatricolazioni. E l’ecobonus ha premiato anche i due ruote elettrici, considerato il +84,54% delle immatricolazioni rispetto al 2019.