Colpiscono Auto e scooter in sosta con accetta: due arresti per il folle gesto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12

Due giovani bengalesi di 27 e 23 anni sono stati arrestati dalla polizia a Milano. Con un’accetta si divertivano a danneggiare auto e scooter in sosta

Colpiscono Auto e scooter in sosta con accetta: due arresti per il folle gesto
Colpiscono Auto e scooter in sosta con accetta: due arresti per il folle gesto (Getty)

Due giovani bengalesi hanno seminato il panico per le strade di Milano: armati di un’accetta e di un coltello, si sono divertiti a danneggiare auto e scooter in sosta. Colpi violenti e forti rumori si sono uditi ieri in via Negroli, dove all’altezza di viale Corsica un tassista si è fermato per capire cosa stesse succedendo.

I due ragazzi, di 27 e 23 anni, colpivano ripetutamente scooter e auto parcheggiate, provocando danni agli specchietti retrovisori, ai parafanghi dei motocicli e a un vetro di un’auto. Il tassista ha subito chiamato la polizia, che è intervenuta prontamente e ha arrestato i due vandali. I due bengalesi hanno provato a dileguarsi ma sono stati subito rintracciati e si sono fatti arrestare senza opporre resistenza.

Panda con 7 ragazzi si ribalta sanzioni
Polizia (Getty Images)

Ti potrebbe interessare anche – Reggio Emilia, Auto distrutte a colpi di mazza: l’ipotesi assurda sul gesto

Accetta e coltello per danneggiare auto e moto in sosta: arrestati due bengalesi

Al momento del fermo non hanno fornito motivazioni al folle gesto. Sono in corso indagini e i due sono stati denunciati. Il bilancio del pericoloso atto vandalico è di quattro auto danneggiate e uno scooter rotto. Sul posto sono accorsi alcuni dei proprietari dei veicoli. Non è la prima volta che Milano è teatro di atti vandalici verso le auto e le moto in sosta.

Giovani, spesso sotto effetto di stupefacenti o di alcol, armati di mazze e oggetti contundenti, seminano il panico danneggiando i veicoli senza un motivo. Tra l’altro, i due bengalesi fermati dovranno spiegare perché fossero in strada nel pieno della notte, violando il coprifuoco delle 22 imposto come misura anti diffusione del Coronavirus.