Nico Rosberg, ritorno in pista: il tedesco spazza via i dubbi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

L’ex campione del Mondo in Formula 1 Nico Rosberg ha parlato di un suo possibile ritorno alle corse dopo l’ingresso in Extreme E

rosberg hamilton
Nico Rosberg e Lewis Hamilton (Getty Images)

Il campionato del Mondo di Formula 1 vinto nel 2016 poi qualche giorno dopo l’annuncio a sorpresa: “lascio le corse”. Nico Rosberg ora torna in pista ma in un’altra veste: il suo ingresso in Extreme E con una scuderia tutta sua ha fatto pensare ad un possibile ritorno anche al volante. Il tedesco sfiderà le auto del suo ex rivale Lewis Hamilton ma di rimettersi il casco non ha proprio voglia.

Lo dice a chiare lettere in un’intervista rilasciata a ‘e-formel.de’ in cui spiega cosa lo ha spinto ad intraprendere l’avventura in Extreme E e cosa lo porta a dire no ad un ritorno nelle vesti di pilota, le stesse di cui si è voluto spogliare ormai 5 anni fa.

LEGGI ANCHE >>> Rosberg al volante della Rimac C_Two: il video a bordo del bolide elettrico

Nico Rosberg non tornerà al volante: “La mia carriera è finita”

nico rosberg
Nico Rosberg (Getty Images)

La mia carriera è finita – ha affermato il pilota tedesco –. Non voglio più essere un pilota, mi soddisfa la mia nuova vita da imprenditore“. Un annuncio che sgombra il campo da tutte le ipotesi che dopo il suo ingresso in Extreme E erano tornate a galla. Un no motivato anche dalla “mancanza di esperienza sui fuoristrada“. “Dovrei allenarmi molto per raggiungere il livello richiesto in Extreme E – spiega Roberg -. Invece ci sono i migliori piloti al mondo: come squadra voglio vincere e quindi era importante trovare i migliori. L’ho fatto, credo“.

Il no dell’ex campione del Mondo riguarda anche la Formula E, nonostante il legame con la Mercedes che nel 2019 ha debuttato nella categoria. “La Mercedes è sempre stata la mia famiglia, ovviamente. Ecco perché c’è ancora un legame stretto“. Questo però non lo spinge a rivedere i propri piani: “Voglio mantenere la mia attuale flessibilità. Un anno di campionato in Formula E sarebbe troppo intenso per me oggi – la spiegazione del pilota -. Ci sono molte più gare rispetto all’Extreme E che ha un programma non molto intenso che mi si addice di più“.