Valentino Rossi e i rumors sul ritiro: l’amico Uccio svela cosa sarà decisivo

Valentino Rossi tra non molto dovrà decidere tra il ritiro e la prosecuzione della carriera in MotoGP. Uccio Salucci spiega la situazione.

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Avvio di stagione negativo per Valentino Rossi, che in Qatar ha ottenuto un dodicesimo e un sedicesimo posto nelle due gare disputate sul circuito di Losail. Non un buon modo di iniziare il campionato MotoGP 2021.

Il pilota del team Petronas SRT cerca riscatto nei prossimi gran premi in Europa, a partire da quello di Portimao in Portogallo. Sarà importante per lui migliorare e fare risultati, anche perché nella prima parte del Mondiale dovrà decidere se continuare o meno a correre nel 2022. I piazzamenti saranno decisivi per la scelta del suo futuro.

LEGGI ANCHE -> MotoGP, Dovizioso non trova una spiegazione: “E’ veramente strano”

Uccio Salucci su Valentino Rossi

Alessio Salucci
Alessio Salucci (Getty Images)

Alessio ‘Uccio’ Salucci è un amico storico di Valentino Rossi ed è stato interpellato da GPOne.com in merito alla situazione del nove volte campione del mondo: «Ha patito il consumo della gomma posteriore, come avviene da un po’ di tempo. Un peccato averlo visto lontano, guardiamo a Portimao. Arrabbiarsi non serve, è deluso. Ma lui è tosto e temprato, dalle difficoltà si è sempre rialzato e lo farà anche stavolta. Ha voglia di correre e presto lo rivedremo veloce sulla Yamaha. Sono convinto che a Portimao tornerà competitivo».

I negativi risultati ottenuti in Qatar hanno fatto riemergere il tema del ritiro, dato che il Dottore ha 42 anni ed è normale che possa pensare di appendere il casco al chiodo. Salucci commenta: «Due gare non possono decidere il futuro. Se nelle prossime quattro-cinque sarà forte e competitivo, andrà sicuramente avanti in MotoGP. In caso contrario vedremo come comportarci».

Uccio è fiducioso sul fatto che Rossi riuscirà a riscattarsi già a Portimao e che potrà essere competitivo anche in seguito. Però, l’idea del ritiro verrà in mente se prestazioni e risultati non saranno quelli attesi. È inevitabile. Dopo il GP d’Italia al Mugello (30 maggio) o di quello di Catalogna a Montmelò (6 giugno) potrebbe arrivare l’annuncio di Valentino sul futuro. È la “scadenza” di quattro-cinque gare indicate da ‘Uccio’.

Impostazioni privacy