In pista per 24 ore su una Minimoto: a caccia del nuovo record del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00

24 ore a girare su una minimoto, a caccia del nuovo record del mondo. Il progetto di Valerio Boni, che vuole entrare nel Guinness World Record

24 ore a girare su una minimoto, a caccia del nuovo record del mondo. Il progetto di Valerio Boni, che vuole entrare nel Guinness World Record
24 ore su una Minimoto: a caccia del nuovo record del mondo (Getty)

In pista per 24 ore in minimoto: obiettivo percorrere 500 chilometri e battere l’attuale record del mondo, fermo a 250. E’ questo l’obiettivo di Valerio Boni, giornalista di settore 62enne e grande appassionato delle due ruote. Non nuovo a imprese di questo genere, ha scelto il circuito di Castelletto di Branduzzo, vicino Pavia. Un kartodromo di 7 chilometri appuntamento alle 17 di martedì 11 maggio.

Boni tenterà l’impresa a bordo di una Polini 910 con raffreddamento a liquido. Una minimoto che promette affidabilità grazie a una configurazione più “soft” e con consumi leggermente ridotti. Alla minimoto sono stati aggiunti due fari per poter correre più facilmente durante la notte, e non manca qualche modifica alla carena vista la lunga permanenza in pista con il piccolo mezzo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valerio Boni (@valeboni2302)

Leggi anche – Kevin Magnussen dalla F1 alla 24 Ore di Le Mans: gareggerà con il padre

In Minimoto per 24 ore: obiettivo 500 chilometri e il nuovo record del mondo

Tra le imprese di Boni c’è una 24 ore in Vespa (da solo) senza mai fermarsi, nemmeno per rifornimenti o bisogni personali (espletati in marcia). “Il punto focale – ha spiegato a Moto.itè l’autonomia. Con il serbatoio da 1.6 litri si possono fare 90 giri, vale a dire tra i 55 e i 60 chilometri”. L’obiettivo è raddoppiare la distanza certificata, ad oggi, sul Guinness dei Primati.

“L’aspetto più difficile della 24 ore – dice ancora Boni è il rispetto dei protocolli imposti dal Guinness World Records. E’ l’unico modo per ottenere l’omologazione del primato. Serviranno registrazioni senza tagli delle 24 ore, ma anche testimoni e cronometristi indipendenti. Il mio obiettivo è coprire 500 chilometri: vedremo se ci riuscirò”. E a Boni non resta che augurare buona fortuna.