Ruba Auto d’epoca e la rivende a cifra da capogiro: arrestato 20 anni dopo

Incredibile storia che arriva da Genova dove, a distanza di venti anni dal furto, hanno arrestato un ladro di auto d’epoca

Auto Polizia
Auto Polizia (Getty Images)

Pensava ormai di averla fatta franca ed, in effetti, a venti anni dal furto in pochi avrebbero avuto un pensiero diverso. Invece, un 65enne, nato negli Stati Uniti ma residente in Svizzera, ha pagato il suo conto con la giustizia due decenni dopo il reato commesso. Non un reato qualsiasi visto che l’uomo nel 2001 era riuscito ad impossessarsi di uno dei sedici esemplari della Talbot Lago T150 CSS Teadrop Coupé del 1938, auto d’epoca da valore pazzesco. Ed, infatti, il 65enne dopo averla smontata e trasferita in Europa, nel 2015 (quattordici anni dopo il furto) riuscì anche a venderla ad una cifra da capogiro: 7,6 milioni di dollari. La giustizia però nel 2019 ha acceso i riflettori sui traffici poco legali dell’uomo e ora è arrivato l’arresto.

LEGGI ANCHE >>> Auto, un frigo caricato in modo bizzarro: le foto del trasporto “eccezionale”

Auto di lusso rubata nel 2001: malvivente arrestato 20  anni dopo

La vicenda che arriva da Genova, dopo essere partita negli Stati Uniti, ha davvero dell’incredibile. Nel 2001 il furto dell’auto d’epoca, trasferita in Europa e tenuta nascosta in un deposito dall’uomo per quattro anni. Nel 2005 alla morte del legittimo proprietario, il 65enne, finito ora in manette, aveva falsificato i documenti, facendo risultare di aver acquistato l’auto dal nipote del defunto proprietario. A questo punto, con la comunicazione del ritrovamento dell’auto da parte del proprietario, la polizia elimina l’auto dal proprio database.

Storia finita? Niente affatto: nel 2015 il ladro di Auto d’epoca decide di venderla per quasi otto milioni di dollari ad un cittadino americano. Quattro anni dopo, la polizia scopre i traffici illeciti del 65enne e emette un mandato di cattura internazionale. Nei giorni scorsi l’arresto in un albergo di Genova: l’uomo è ora nel carcere di Marassi dove aspetta l’estradizione.