Formula 1, classifica Mondiale piloti e costruttori dopo GP Monza

La classifica completa del Mondiale piloti e costruttori di Formula 1 dopo il GP Monza con gli effetti dell’incidente tra Hamilton e Verstappen

Max Verstappen Red Bull F1 GP Monza
La Red Bull di Verstappen (Foto: Getty Images)

Finisce dopo metà gara il GP Italia di Max Verstappen e di Lewis Hamilton. Le due monoposto, una incastrata nell’altra dopo la prima chicane, sono l’immagine più forte della corsa e forse dell’intero Mondiale.

Grazie ai due punti conquistati nella Sprint Race, Verstappen allunga sul sette volte campione del mondo rispetto alla scorsa settimana. Ha ora cinque lunghezze di vantaggio dopo 14 GP disputati.

Tra i primi dieci, guadagna una posizione Daniel Ricciardo che ha firmato la prima vittoria McLaren dal GP Brasile 2012, e la prima doppietta per il team dal GP Canada del 2010. Sempre al sesto e al settimo posto i due piloti della Ferrari, Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Vediamo dunque la classifica completa del Mondiale piloti di F1 dopo il GP Monza, che ne vede sei con più di 100 punti guadagnati finora.

  1. M.Verstappen 226.5
  2. L.Hamilton 221.5
  3. V.Bottas 141
  4. L.Norris 132
  5. S.Perez 118
  6. C.Leclerc 104
  7. C.Sainz 97.5
  8. D.Ricciardo 83
  9. P.Gasly 66
  10. F.Alonso 50
  11. E.Ocon 45
  12. S.Vettel 35
  13. L.Stroll 24
  14. Y.Tsunoda 18
  15. G.Russell 15
  16. N.Latifi 7
  17. K.Raikkonen 2
  18. A.Giovinazzi 1

Leggi anche – F1 GP Monza, gli Highlights del Gran Premio: la sintesi della gara – Video

Formula 1, classifica costruttori dopo GP Monza

La prossima gara non sarà semplice per la Red Bull. In Russia, infatti, Max Verstappen sarà retrocesso di tre posizioni sulla griglia di partenza, rispetto al risultato delle qualifiche. E’ questa la sanzione decisa dai commissari per l’incidente con Hamilton a Monza.

La penalizzazione inflitta a Perez nel finale di gara ha fatto salire Bottas, partito ultimo, sul podio. In questo modo la Mercedes ha allungato nella classifica costruttori rispetto alla Red Bull. Si è invece completamente invertito il rapporto di forza tra McLaren e Ferrari rispetto allo scenario pre-Zandvoort.

  1. Mercedes 362.5
  2. Red Bull 344.5
  3. McLaren 215
  4. Ferrari 201.5
  5. Alpine 95
  6. Alpha Tauri 84
  7. Aston Martin 59
  8. Williams 22
  9. Alfa Romeo 3
  10. Haas 0