Bagnaia vola con Ducati: Ciabatti fa un invito ai tifosi di Valentino Rossi

Ciabatti ha grande fiducia in Bagnaia per il futuro, lo vede al top in MotoGP. Rivolge anche un appello ai tanti fan di Valentino Rossi.

Francesco Bagnaia
Francesco Bagnaia (Foto: Getty Images)

È un periodo magico quello che sta vivendo Francesco Bagnaia. Dopo la prima vittoria in MotoGP ottenuta ad Aragon, è arrivata subito la seconda. Un trionfo dalle grande emozioni quello a Misano Adriatico.

Vincere in Italia di fronte ai suoi tifosi e a quelli Ducati è stato speciale per Pecco. Questi successi fanno parte di un processo di maturazione che lo dovrebbe portare a essere un top rider della MotoGP per il futuro. Ottenere la prima vittoria era necessario per sbloccarsi e dare maggiori consapevolezze a un pilota che aveva già dimostrato di avere talento, ma che non era sempre riuscito a ottenere quanto fosse nel suo potenziale.

LEGGI ANCHE -> Marquez, incontro speciale con … Valentino: il bel gesto di Marc (VIDEO)

MotoGP, Ciabatti su Bagnaia e Ducati

Ciabatti Paolo
Paolo Ciabatti (Getty Images)

Paolo Ciabatti, direttore sportivo Ducati, in un’intervista al sito web del quotidiano spagnolo AS ha rivolto un invito ai tifosi di Valentino Rossi per il futuro: «A Misano c’erano molti tifosi vestiti di giallo perché era la penultima gara di Rossi in Italia, ma speriamo che quel giallo diventi rosso il prossimo anno perché Pecco è un pilota dell’Academy di Valentino. Inoltre è un giovane italiano che corre con la Ducati, una moto italiana. Spero che in futuro Ducati e Bagnaia possano essere in MotoGP quello che la Ferrari è in F1».

Bagnaia può essere l’erede di Valentino Rossi? Ciabatti su questo tema è molto netto: «Il nuovo Rossi non esiste, perché Valentino è un campione da più di vent’anni. La popolarità di questo sport è cresciuta anche a lui, alla sua personalità. Spero che a livello sportivo possa esserlo, ma a livello di immagine credo che che ci sia un solo Valentino e non ce ne sarà un altro. È un personaggio come Michael Jordan. Ci sono tanti bravi giocatori di basket, ma di Jordan uno solo».

Impostazioni privacy